Mazda CX-5, quale scegliere tra il diesel e il benzina

Scegliere un motore a benzina su vetture del calibro della Mazda CX-5 era considerato un’eresia fino a non troppi mesi fa. Il diesel veniva preferito sempre e comunque, anche dagli automobilisti che percorrevano meno di 20.000 chilometri l’anno, la soglia minima oltre la quale il gasolio promette i risparmi maggiori. Da qualche tempo però si è rotto il tabù nei confronti dei motori a benzina di media cilindrata, in seguito al miglioramento delle tecnologie e alla battaglia politica contro i motori a gasolio, che ha portato molte amministrazioni cittadine nel mondo a volerli bandire. Il tema resta molto delicato e merita più di un approfondimento, perché vanno considerati lo stile di guida, i consumi, i costi di manutenzione nel tempo e il valore residuo previsto per gli anni futuri. Ecco perché abbiamo analizzato tutte queste variabili e messo i piedi un bel confronto fra la CX-5 a benzina e gasolio.


Stesso cambio e trazione: il motore è l'unica variabile


I modelli che abbiamo messo a confronto sono analoghi nel cambio (automatico) e nella trazione (integrale). Uno però adotta il benzina aspirato 2.5 da 194 CV, l’altro il turbodiesel 2.2 da 175 CV. Il raffronto fra le due CX-5 non può che iniziare dal prezzo di listino: scegliendo come metro di paragone l’allestimento Exclusive “ballano” circa 2.000 euro a favore del 2.5, che in più adotta un alternatore e un condensatore s...