Grandi display, sistema multimediale MBUX con comandi vocali intelligenti, stile arrotondato e fari Multibeam LED

Per la nuova Mercedes Classe A la rivoluzione annunciata non riguarda tanto le forme esterne, notevolmente evolute secondo gli ultimi dettami dello stile di Stoccarda già visti sulla nuova CLS, quanto più l'ambiente interno, l'interfaccia uomo-macchina, la strumentazione digitale, l'inedito sistema multimediale MBUX (Mercedes-Benz User Experience) e ausili alla guida che arrivano fino alla guida parzialmente automatica. Ciò non toglie che la nuova Classe A si distingua a colpo d'occhio dalla serie precedente per il passo leggermente più lungo, il frontale spiovente e i gruppi ottici tutti nuovi che comprendono i fari Multibeam LED anteriori. Non mancano neppure nuovi motori come il 1.4 turbo benzina della A 200 e il 2.0 della A 250.


Addio linee nette e nervature


Partendo da quello che più attira il pubblico, l'esterno, vediamo che la nuova Mercedes Classe A, quella di quarta generazione, rielabora in maniera più moderna il concetto di berlina hatchback cinque porte già visto sulla terza serie del 2012, ma con nette distinzioni sia davanti che in coda. Gorden Wagener, responsabile del design, dice di aver giocato soprattutto sul concetto di "limpida sensualità" dove "forme chiare e superfici sensuali riducono al minimo le nervature e le linee". Questo si traduce in un cofano motore ribassato che punta verso fari piatti a LED e una mascherina Matrix con la Stella al centro. Il Cx scende al valore di 0,25, record per la categoria, mentre i passaruota più grandi e le luci posteriori sdoppiate completano l'insieme della nuova compatta tedesca. Le misure esterne sono pari a 4,41 x 1,79 x 1,44 metri e questo significa che la nuova Classe A è più lunga di 12 cm, più larga di 1 cm e più alta ancora di 1 cm rispetto al modello uscente; il passo è invece cresciuto di 2,9 cm. Anche il bagagliaio è cresciuto in volume arrivando 370 litri, cioè 29 litri più di prima.


Strumentazione a doppio display su tutte


Come già detto la vera rivoluzione della Classe A è negli interni che rinunciano alla classica plancia con cupolino per la strumentazione e propone su tutte le versioni un doppio display widescreen sospeso e verticale (con misure da 7" a 10,25") che stacca nettamente dalla parte inferiore. L'illuminazione d'ambiente fino a 64 colori diversi fa poi il paio con le bocchette di aerazione illuminate che ricordano le turbine degli aerei. A fare la differenza è il sistema multimediale MBUX con intelligenza artificiale che apprende i comandi vocali in linguaggio naturale che si attivano pronunciando la frase "Hey Mercedes". I comandi touch possono essere attivati sul touchscreen, sul touchpad della console centrale e pure sui pulsanti sul volante. Fra i nuovi servizi Mercedes me connect ci sono le funzioni del navigatore basate sulla comunicazione Car-to-X che trasmette da veicolo a veicolo eventi come frenate d'emergenza, intervento dell'ESP o un incidente lungo il percorso. L'MBUX visualizza anche i contenuti online come i prezzi aggiornati del carburante o la disponibilità di parcheggi.


Tre motori, due benzina e un Diesel


Al momento del lancio, fissato per la primavera con apertura degli ordini a marzo, la nuova Mercedes Classe A è disponibile con tre diversi motori, due a benzina e un Diesel, tutti a quattro cilindri e con filtro antiparticolato. Il primo dei due a benzina è quello della Mercedes A 200, un inedito 1.4 turbo siglato M 282 che vanta 163 CV di potenza massima e 250 Nm di coppia, oltre a un consumo medio dichiarato fino a 5,1 l/100 km; la nuova A 200 è offerta sia con cambio manuale a 6 marce che automatico a doppia frizione 7G-DCT, quest'ultimo comprensivo di esclusione dei cilindri a carichi parziali. A seconda del cambio la A 200 scatta da 0 a 100 km/h in 8,0 o 8,2 secondi, con una velocità massima di 225 km/h. Un gradino più in alto nella gamma a benzina c'è la Mercedes A 250 7G-DCT con il due litri (M 260) da 224 CV e 350 Nm con un consumo combinato di 6,0 l/100 km; con questo motore la nuova Classe A tocca i 250 km/h e passa da 0 a 100 km/h in 6,2 secondi. A chiudere l'offerta di lancio c'è la Mercedes A 180 d 7G-DCT con il nuovo 1.5 Diesel (OM 608) da 116 CV e 260 Nm che promette una media di 4,1 l/100 km. In questo caso la velocità massima è di 202 km/h e lo 0-100 richiede 10,5 secondi. Nei mesi successivi saranno disponibili anche altre motorizzazioni non ancora specificate e la trazione integrale 4Matic.


L'assistenza alla guida si evolve


La nuova Mercedes Classe A è dotata di assetto comfort ribassato di 15 mm su tutte le versioni, con regolazione Dynamic Select per quattro programmi di marcia e la possibilità di avere le sospensioni regolabili attive a richiesta. I sedili possono essere riscaldati e climatizzati aspiranti come sulle auto di categoria superiore e una grande attenzione è stata posta anche nell'insonorizzazione, all'isolamento dell'abitacolo e alla riduzione del fruscio aerodinamico. Fra i sistemi di assistenza alla guida si segnalano in particolare il cruise control adattivo Distronic, l'assistenza alla frenata attiva all'interno del pacchetto Pre-Safe Plus e l'assistenza attiva al cambio di corsia attivabile con la freccia, ma omologata solo in alcuni Paesi. I fari Multibeam LED, opzionali, adattano automaticamente le luci di marcia in base alle condizioni del traffico con un colore di luce simile a quella diurna. Di serie sulle versioni Business, Sport e Premium sono di serie invece i fari a LED High Performance, con i fari alogeni riservati solo alla entry level Classe A Executive.



La nuova Mercedes Classe A vista dal vivo!




Forme più semplici ma sempre sinuose e seducenti, più spazio per persone e bagagli e, soprattutto, un nuovo sistema di infotelematica che punta a rivoluzionare il rapporto uomo-macchina: è la nuova Mercedes Classe A, vista dal vivo ad Amsterdam.

Nuova Mercedes Classe A, la rivoluzione nasce da dentro

Foto di: Fabio Gemelli