Eugenio Amos è al settimo cielo: "ora la priorità sono i clienti"

Eugenio Amos ancora non ci crede: tutte le Delta Futurista previste (20, non una di più, non una di meno) sono già state vendute poche ore dopo il debutto ufficiale in società al Grand Basel. E' stato lui stesso a dircelo, dopo il “bagno di folla” della manifestazione svizzera, rivelandoci anche che non si immaginava un tale risultato: “mi aspettavo che potesse avere successo, ma non a questo livello, fra il dire bella e spendere 300 mila euro c'è di mezzo il mondo".

Successo e critiche

Un successo che abbiamo toccato con mano anche sul nostro canale YouTube: oltre 200.000 visualizzazioni in pochi giorni e più di 1.000 commenti per il video Live dal Grand Basel. Segnale che la “ferita” nel cuore dei lancisti (e non solo) è ancora aperta e sanguinante. Ma questa Delta è anche un'operazione di “restauro moderno” che divide. Eugenio si dice “dispiaciuto” che gli apprezzamenti siano arrivati soprattutto dall'estero, mentre in Italia si sono levate parecchie critiche. C'è chi accusa la Delta Futurista di essere solo una trovata per rimpinguare il conto in banca del Costruttore, chi è dispiaciuto per la “dipartita” di 20 scocche di Integrale 16V che avrebbero potuto, un giorno, essere restaurate e tramandate, chi, semplicemente, non riesce a capacitarsi del prezzo, fissato intorno ai 300.000 euro.

Leggi anche

Il cliente come priorità

Sia come sia, adesso arriva il bello. Perché dopo le procedure di omologazione, che la Delta Futurista dovrà superare nei prossimi mesi, alla Amos Automobili dovranno essere giudicati da chi, per definizione, ha sempre ragione: il cliente. Molto esigente, si capisce, visto e considerato l'importo speso. La priorità numero 1 per Eugenio, perché adesso bisogna “seguirli, curarli e assecondare le richieste di personalizzazione che arriveranno”. Per dimostrare che la Delta Futurista non è solo “chiacchiere&distintivo”, ma un progetto nato da solide basi. Quelle che, molto probabilmente, la Lancia come Marchio non avrà più. Chissà se, nei piani alti di FCA, qualcuno sta cambiando idea...

 

Fotogallery: Lancia Delta Futurista LIVE