Piccoli a chi? Grazie al turbo, i 3 cilindri muovo bene anche auto di taglia media e sono più elastici dei vecchi 4 cilindri aspirati

In molte discussioni si creano sempre dei borbottii parlando dei motori a 3 cilindri, perché vengono fuori lo scetticismo e le perplessità di chi resta ancora tiepido davanti ai motori con 3 pistoni. “Ma non sono troppo piccoli?”, è il pensiero di tanti italiani, sebbene questi motori abbiano il turbo e sviluppino valori di potenza e coppia più che sufficienti per muovere senza difficoltà auto di dimensioni compatte e anche medie: Ford per esempio adotta il 3 cilindri 1.0 anche sulla Focus Wagon, una famigliare che sfiora i 4,70 metri.

Piccoli ma tosti

I 3 cilindri di conseguenza non sono affatto sotto-dimensionati per i SUV e crossover di taglia compatta. Lo dimostrano i modelli presenti in questa galleria, dove il più lungo raggiunge i 4,50 metri: sono alimentati a benzina o gasolio, hanno cilindrate da 0.9 a 1.5 litri e sviluppano fra 90 a 163 CV.

In un caso la coppia raggiunge i 270 Nm, un valore di tutto rispetto per auto di questa categoria, dove i 3 cilindri sono ormai diffusi anche fra i marchi di prestigio. Le vibrazioni sono più accentuate e il suono non è gradevole come per i 4 cilindri, questo è vero, ma all’infuori di queste piccolezze non ci sono altri motivi per rimpiangere i 4 cilindri aspirati che i 3 cilindri turbo hanno mandato in pensione.