Si chiama JuiceBox e garantisce una ricarica rapida connessa attraverso lo smartphone ed è capace anche di comunicare con la casa

Non è una novità, la mobilità elettrica al giorno d'oggi trova nell'infrastruttura delle stazioni di ricarica uno dei suoi punti deboli. L'assenza di una rete di colonnine capillarizzata, con una potenza adeguata per non far lievitare troppo il tempo del viaggio, è ancora una delle cause che non convince molti automobilisti a spostarsi su questo tipo di alimentazione, nonostante allettanti incentivi per l'acquisto delle auto.

Così le case auto stanno facendo la loro parte stringendo accordi strategici. Hyundai si è alleata con Enel X, già provider di altre grandi case come Audi e Porsche. L'offerta non si rifà solo alle ricariche sul suolo pubblico, visto che la Casa offre anche la possibilità di avere 2 tipo di wallbox dedicati per la ricarica a casa. 

Come funziona

Si chiama JuiceBox e garantisce una ricarica rapida connessa attraverso lo smartphone e capace di comunicare con la casa, evitando qualsiasi rischio di interruzioni di corrente. Si parte con un controllo a domicilio incluso per verificare l'adeguatezza di impianto elettrico e fornitura.

In caso di malfunzionamento c'è sempre un call center dedicato e in caso di guasto la JuiceBox sarà sostituita. L'apparecchio conta su una garanzia di 5 anni e ha una potenza che varia dai 3,7 Kw ai 7,4 Kw. In quest'ultimo caso il tempo per ricaricare completamente una Kona elettrica è di circa 8 ore.

Hyundai Kona Electric, la prova consumi

Anche le colonnine fast 

I Juice Pack Full e Juice Pack Full Plus consentono anche di usufruire dell’intera rete di infrastrutture pubbliche, presenti sull’app Juice Pass di Enel X.

Insieme c'è un pacchetto di kWh da utilizzare in 24 mesi: 780 kWh con Juice Pack Full e 1.620 kWh con Juice Pack Full Plus, equivalenti rispettivamente a circa 5.000 e oltre 10.000 km di percorrenza. Inclusi anche due anni di servizio illimitato per la prenotazione delle infrastrutture di ricarica e la card per la ricarica dalle colonnine.

Per adesso, però, non ci sono ancora informazioni relative ai costi dei vari pacchetti.

Fotogallery: Hyundai Kona Electric, la prova di quella a batterie