L'ultima evoluzione del "benzina che gira come un diesel" offre 186 CV, minor consumo e gode degli ecoincentivi statali

Fin dal suo lancio a inizio 2019, la Mazda3 ha sempre avuto in gamma il motore 2.0 SkyActiv-X, un propulsore che brucia la benzina attraverso la compressione, un po' come i diesel. Da questo sistema, chiamato SPCCI, nasce la frase "il benzina che lavora come un diesel" (qui vi spieghiamo nel dettaglio come funziona).

Per il model year 2021, la Mazda3 viene equipaggiata con l'ultima evoluzione di questo motore, che cresce nelle prestazioni arrivando a 186 CV, riduce i consumi e accede agli ecoincentivi statali. La nuova versione arriverà nelle concessionarie a partire da febbraio, ma è ordinabile già da ora.

Pochi dettagli, ma più sostanza

Come già detto, la potenza arriva a 186 CV mentre la coppia è di 240 Nm. Il consumo medio di carburante invece si è ridotto, e nel ciclo WLTP ora registra 4,7 litri ogni 100 km, pari. Anche le emissioni di CO2 sono diminuite, segnando 120 g di CO2 al chilometro.

Fotogallery: Mazda3 Skyactiv-X

Per i più tecnici, la Mazda3 segue la scia della CX-30 e gode di migliorie sul controllo della combustione, aggiornamenti del software Mazda M Hybrid e pistoni modificati. Il rapporto di compressione passa quindi da 16,3:1 a 15,0:1, per migliorare la stabilità dell'accensione e impedire eventuali autoaccensioni e pre-accensioni.

Altri aggiornamenti del model year 2021 prevedono nuovi badge "e-SkyActiv G" e "e-SkyActiv X", oltre al tetto apribile elettrico di serie sull'allestimento Exclusive.

Oltre al 2.0 SkyActiv-X, che è disponibile anche in versione automatica e a trazione integrale, la Mazda3 MY 2021 offre anche due unità SkyActiv-G da 122 CV e 150 CV, quest'ultima disponibile anche col cambio automatico.

Il prezzo di partenza della Mazda3 MY 2021 SkyActiv-G 122 CV Evolve è di 24.100 euro, mentre per la top di gamma SkyActiv-X 186 CV Exclusive il listino arriva fino a 34.700 euro. Le prime unità dovrebbero arrivare nelle concessionarie a partire da febbraio.