L’obiettivo dichiarato è una “mobilità sempre più integrata e sostenibile”, che miri “a decongestionare il traffico urbano”. Parte con queste premesse il nuovo accordo tra Enjoy, il servizio di car sharing di Eni, e Itabus, compagnia di trasporti a lunga percorrenza arrivata sulle strade italiane il 27 maggio scorso.

Da oggi è possibile acquistare dei voucher prepagati sul sito di Itabus per utilizzare un’auto Enjoy. Questo permette a chi viaggia su un autobus di raggiungere facilmente la stazione di partenza o, meglio ancora, di trovare un veicolo per muoversi nella meta di destinazione.

Tutti i servizi

Il servizio può essere utilizzato nelle città in cui Enjoy è attiva (Roma, Milano, Torino, Firenze e Bologna). Nell’annunciare la convenzione, la società di car sharing ricorda che le sue vetture vengono sempre sanificate automaticamente al termine del loro utilizzo, per rispettare le norme anti-Covid.

Enjoy, il car sharing di Eni e Fiat

Ma non solo. Ci sono anche tutte le agevolazioni riservate alla mobilità in condivisione, come l’accesso alle Ztl e la possibilità di parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu. In più, Enjoy offre anche alcune formule di noleggio pensate per i viaggi più lunghi, che durano da uno a quindici giorni.

Qui il sito Italbus.

Anche il carburante sostenibile

Questa, comunque, è solo l’ultima mossa fatta insieme dalle due società. L’alleanza era già consolidata, visto che tutti i mezzi di Itabus sono alimentati con il carburante Eni diesel +, “il gasolio premium – fa sapere Eni – che contiene il 15% di componenti biodiesel certificate come ‘sostenibili’ dai più autorevoli schemi di certificazione riconosciuti a livello europeo e che riduce le emissioni di CO2 rispetto ai carburanti tradizionali, lungo tutta la filiera produttiva, dalla coltivazione della materia prima all’utilizzo su veicolo”.