E' ormai noto che i costruttori investono in iniziative dedicate all'ambiente e alla salvaguardia degli ecosistemi naturali che si trovano nei pressi degli stabilimenti produttivi. E c'è spazio anche per le collaborazioni. E' il caso di BMW, che ha stretto una partnership con Pirelli e l'ONG BirdLife International per un progetto triennale legato alla realizzazione di gomma naturale in Indonesia.

Il programma interessa l'area della foresta pluviale di Hutan Harapan - nell’isola di Sumatra - e viene sviluppato attraverso una serie di attività che puntano a migliorare la qualità di vita della popolazione indigena, a preservare una foresta di 2.700 ettari e a proteggere le specie animali a rischio nella regione.

Sostenibilità e tutela delle comunità locali

La partnership con Pirelli rientra all’interno di un percorso comune per la produzione sostenibile di gomma naturale che il costruttore italiano ha realizzato con lo sviluppo dello pneumatico P Zero certificato Forest Stewardship Council (FSC), primo al mondo ad ottenere tale certificazione e attualmente disponibile sulla BMW X5 Plug-in Hybrid.

Nel progetto le comunità locali e le agenzie governative sono molto coinvolte, in particolare attraverso la formazione degli agricoltori al fine di ottimizzare le pratiche di coltivazione. Ci sono poi attività di promozione dei diritti delle donne e la tutela delle specie viventi che abitano la foresta.

Progetto con Pirelli per la produzione di gomma naturale in Indonesia

Secondo BMW l’attuazione di questa produzione sostenibile “permetterà una migliore interazione tra la natura, le persone e l’economia locale nel paese di provenienza della gomma naturale" e allo stesso tempo "rafforzerà le comunità locali, rendendo più professionali i metodi di coltivazione tradizionali".

Acciaio verde e logistica a zero emissioni

Con l’obiettivo di ridurre le emissioni e migliorare la qualità dell'aria nel mondo, il marchio bavarese ha anche stretto un accordo con la start-up svedese H2 Green Steel che utilizza idrogeno ed energia verde da fonti rinnovabili per la produzione di acciaio.

Un componente essenziale per la costruzione delle automobili che, a causa del suo processo produttivo ad alta intensità energetica, è considerato una delle principali fonti di emissione di CO2 a livello globale. 

Acciaio prodotto con energie verde in Svezia
Acciaio prodotto con energie verde in Svezia

La fornitura di acciaio “verde” contribuirà alla strategia di BMW di “ridurre le emissioni di CO2 derivanti dalla filiera dell'acciaio di circa due milioni di tonnellate entro il 2030”.

Un’attenzione alla sostenibilità che passa anche attraverso la conversione a una logistica a zero emissioni locali nello storico stabilimento dell’azienda situato a Monaco. Un progetto che BMW intende realizzare aumentando la quota dei veicoli che lasceranno la fabbrica in treno e grazie all'utilizzo di camion elettrici per le consegne quotidiane effettuate all'interno della città. 

Fotogallery: Foto - BMW, i progetti legati alla sostenibilità