I suoi creatori la chiamano la “Ferrari del deserto” ed è difficile dargli torto. La Prodrive Hunter è senza dubbio uno dei fuoristrada più estremi del pianeta ed è pensato per affrontare a tutta velocità qualsiasi terreno.

Visto che non deve rispettare nessun regolamento di categoria, questa versione “stradale” derivata dall’auto per il Rally Dakar BRX Hunter T1+ è ancora più potente e scatenata.

La bestia inglese per l’offroad

Il cuore della Hunter è un motore Ford 3.5 V6 modificato dalla britannica Prodrive per essere più potente del 50% della vettura da rally e per generare oltre 600 CV e 700 Nm di coppia. Il propulsore biturbo spinge il fuoristrada da 0 a 100 km/h in meno di 4 secondi e fino a quasi 300 km/h. Si tratta di numeri da fantascienza, soprattutto se si considera che l’assetto dell’auto non è esattamente quello di una supercar tradizionale.

Prodrive Hunter
Prodrive Hunter
Prodrive Hunter

La Hunter, infatti, monta pneumatici da fuoristrada da 35” e sospensioni anteriori e posteriori capaci di un’escursione di 40 cm. Il cambio è un automatico a 6 rapporti con paddle al volante e, ovviamente, la trazione è integrale. E, in quanto fuoristrada dura e pura, è dotata di differenziali anteriori, centrali e posteriori, senza dimenticare l’immenso serbatoio che può contenere 480 litri di benzina.

Divertimento per pochi

Come potete immaginare, tutto questo ha un prezzo. Molto alto. La Prodrive costa 1,25 milioni di sterline (1,5 milioni di euro escludendo le tasse), ma anche se avete vinto alla lotteria non affrettatevi a prenotarla. L’azienda inglese programma di produrne solo 25 esemplari, tutti già venduti, col primo che verrà consegnato al Principe del Bahrain Salman bin Hamad Al Khalifa.

Prodrive Hunter

Chi ama le supercar da fuoristrada può comunque consolarsi con le prossime Porsche 911 Dakar e Lamborghini Huracan Sterrato che dovrebbero essere presentate nei prossimi mesi.

Fotogallery: Foto - Prodrive Hunter