Buone e cattive notizie dall'Europa. Il mese scorso, le nuove immatricolazioni di auto nel Vecchio continente hanno registrato un record negativo per febbraio: solo 794.600 unità. Il totale è inferiore del 5,4% rispetto al volume registrato nel febbraio 2021, ma più basso del 25% nei confronti dello stesso mese del 2020 e del 30% rispetto a febbraio 2019. I dati di JATO indicano che il mese scorso è stato il peggiore febbraio almeno negli ultimi 42 anni.

Le ragioni sono ampiamente conosciute dal pubblico: carenza di semiconduttori e l'impatto della guerra in Ucraina sulla disponibilità di pezzi per la produzione di automobili negli impianti europei. I consumatori non possono semplicemente trovare nuove auto.

Tuttavia, c'è almeno un punto luminoso. La domanda di auto elettriche pure è aumentata del 77% nel corso del mese a 87.400 unità, portando la quota di mercato a un record dell'11%. La percentuale cresce al 19,5% aggiungendo le registrazioni di PHEV (Plug-in Hybrid Electric Vehicle). Un anno fa, queste vetture rappresentavano il 13,4% delle immatricolazioni totali, mentre due anni fa, nel febbraio 2020, la loro quota di mercato era del 6,3%.

foto-per-topic-motor1-numbers

Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

Mercato Europa: febbraio ai minimi da 42 anni

Doppietta Tesla, sorpresa Fiat 500e

Anche se non si tratta di calcoli relativi alla fine del trimestre, Tesla conferma la sua leadership nel mercato delle auto full electric con quasi 15.800 unità, in aumento del 188% rispetto al febbraio del 2021. Si tratta di una quota pari al 18,1% rispetto all'11,1% dell'anno precedente, il che significa che la Model Y sta già pagando e sta facendo molti progressi in tutta Europa. Infatti, insieme alla Model 3 conquista il podio delle due auto elettriche più vendute durante il mese.

Sorprendentemente, la terza BEV (Battery Electric Vehicle) più immatricolata è stata la Fiat 500e, con 3.800 unità, in crescita del 74%. La 500e costituiva il 38% delle vendite totali di Fiat 500: non male per una macchina di questo prezzo. È stata seguita dalla vecchia Kia e-Niro, le cui vendite sono migliorate negli ultimi mesi, nonostante sia stata rivelata la seconda generazione. Offerte migliori e anni di esperienza hanno permesso a questa Kia di aumentare il suo volume del 29% a quasi 3.500 unità.

Mercato Europa: febbraio ai minimi da 42 anni

La scossa arriva da Hyundai (e dai marchi premium)

La quinta posizione è stata occupata dalla Hyundai Ioniq 5, record per questo crossover presentato lo scorso anno. È stato in grado di superare rivali come la Volkswagen ID.4, Skoda Enyaq e Kia EV6. In realtà, questi due prodotti coreani hanno permesso a Hyundai e a Kia di posizionarsi davanti a Volkswagen nella classifica dei marchi. Il produttore tedesco ha registrato marcate flessioni per l'ID.3 (-40%) e la e-up! (-65%), a seguito di problemi nei loro stabilimenti di produzione.

Mercato Europa: febbraio ai minimi da 42 anni

Tra i modelli elettrici disponibili un anno fa, si segnala la grande crescita di Mini Hatch electric (+92%), Polestar 2 (+72%), Volvo XC40 (+91%), Citroën C4 (+221%), Mercedes EQC (+92%), Porsche Taycan (+73%), Audi e-tron GT (+125%), Mercedes EQV (+ 89%).

Sempre in febbraio, l'importanza delle auto a basse emissioni era più evidente in alcune marche rispetto ad altre. Per esempio, le elettriche hanno contato per il 25% del volume di Hyundai nel mese di febbraio. Si tratta della percentuale più alta tra i primi 10 marchi mainstream, seguita da Kia (23%) e Peugeot (18%). Al contrario, le BEV hanno costituito il 4% del mercato di Toyota, il 9% di Citroën e il 10% di Skoda. Tra i marchi premium, la percentuale sale al 32% per BMW e al 34% per Mercedes.

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.