Sono state il simbolo e il fiore all'occhiello dell'industria automobilistica americana e finalmente si prendono il loro posto nella storia: parliamo delle pony car diventate protagoniste della collezione Forever Stamps della US Postal Service, ovvero il servizio postale americano.

Le protagoniste

Non è la prima volta che sulla posta dei cittadini statunitensi fanno bella mostra delle auto: già nel 2018 infatti venne stampata la collezione Hot Wheels Forever, in omaggio al brand di modellini più famoso d'America, e oggi i motori tornano protagonisti nella corrispondenza degli Stati Uniti con 5 piccoli capolavori.

A trovare posto all'interno della collezione filatelica sono state la Ford Mustang Boss 302 , la Chevrolet Camaro Z/28, la AMC Javelin SST, tutte del 1969, la Dodge Challenger R/T del 1970 e la Mercury Cougar XR-7 del 1967. Bolidi che descrivono perfettamente la cultura automobilistica d'oltreoceano di quegli anni e che sono rimaste nell'immaginario degli appassionati come il meglio del meglio tra i cavalli americani.

I dettagli

La collezione Pony Car Forever verrà presentata il 25 agosto al Great American Stamp Show in California, un evento creato in collaborazione con l'American Philatelic Society. I 5 francobolli possono essere acquistati sul sito web della US Postal Service o negli uffici postali americani, come qualsiasi altro francobollo, a 0,60 dollari. Sicuramente un bel souvenir della vacanza americana se avete già programmato il viaggio negli States per questa estate.

Le ponycar più famose della storia finiscono sui francobolli americani

La sfida continua

Nonostante l'epoca d'oro per queste auto sia ormai passata sul mercato americano la sfida si ripropone con le versioni attuali: la Ford Mustang continua a detenere lo scettro della pony car più amata dagli americani, seguita dalla Dodge Challenger. I decenni hanno fatto perdere terreno alla Chevrolet Camaro e alla Mercury Coguar. La corsa della AMC Javelin invece si interruppe nel 1974.

 

 

Fotogallery: Le ponycar più famose della storia finiscono sui francobolli americani