Ci sono tre diversi mondi nel settore automobilistico. Uno è formato dai mercati sviluppati, per lo più Paesi ricchi dove la popolazione vive con standard di vita buoni o molto buoni. Un altro è la Cina, caso unico di un'economia in rapida crescita con le sue peculiarità. E il terzo include tutte le economie in via di sviluppo che devono ancora passare attraverso una profonda trasformazione.

In quest'ultimo caso si tratta di Paesi in cui l'industria è ancora in crescita e ha un grande potenziale, soprattutto nelle economie dove la proprietà di un'automobile è una cosa rara. L'India è un buon esempio: una grande popolazione con potere d'acquisto molto basso e con la maggior parte della gente che non può permettersi un'automobile. Le previsioni di vendita di auto per uno Stato come questo sono solitamente ottimistiche e totalmente diverse dai volumi stagnanti visti in Europa, Stati Uniti o Giappone.

Il potenziale di questi mercati è la base per la nascita di nuovi marchi automobilistici. Aziende come Vinfast o TOGG sono due delle ultime novità che devono la loro esistenza alle prospettive di un brillante futuro. Parliamo di brand creati come risposta a una domanda crescente, che non è stata veramente soddisfatta dai produttori esistenti. Il loro obiettivo è colpire i mercati globali e catturarne un pezzo. Ce la faranno?

foto-per-topic-motor1-numbers

Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

Una scelta tropicale nei mercati sviluppati

Vinfast è un marchio automobilistico di origine vietnamita fondato nel 2017 che fa parte di Vingroup, il più grande conglomerato del Paese. Ha iniziato le operazioni dopo la costruzione di un impianto a Hai Phong, una grande città industriale nel nord del Vietnam. Poi, nel 2019, ha venduto i suoi primi veicoli all'estero e, alla fine del 2021, ha consegnato il primo lotto di auto completamente elettriche in Vietnam.

L'azienda ha annunciato grandi piani per i mercati globali. Essi comprendono la vendita di auto elettriche in Nord America e in Europa, e anche in Indonesia. Finora, Vinfast ha presentato 10 diversi modelli, 6 dei quali sono elettrici.

La scommessa è abbastanza impegnativa. Stiamo parlando di un produttore sconosciuto, che ha appena iniziato a costruire auto meno di 5 anni fa. A casa, i risultati non sono male. Vinfast è stata la settima marca di auto più venduta in Vietnam nel primo semestre del 2022 con più di 14.700 unità.

Vinfast e TOGG, due nuovi brand dal reale potenziale?

Tuttavia, ha perso quota di mercato rispetto al corrispondente periodo del 2021, scendendo dal 10,6% al 7,3%. Toyota, il top-seller, ha venduto 43.100 unità e aumentato la sua quota di mercato dal 18,3% al 21,2%.

TOGG, l'orgoglio della Turchia

In parte perché sta diventando una potenza regionale e in parte perché è un importante hub di produzione di veicoli, la Turchia è ora nel radar automobilistico. Ha avuto bisogno di un costruttore nazionale e l'ha ottenuto.

Si chiama TOGG, Türkiye'nin Otomobili Girişim Grubu A.Ş., ed è la risposta alla necessità del Paese di elettrificare il suo mercato. È forse la parte migliore della storia di TOGG: porterà l'auto elettrica ai consumatori turchi.

Sono già stati presentati due modelli, una berlina del segmento C e una C-SUV, con un design della carrozzeria realizzato da Pininfarina. Il piano? Costruire 175.000 veicoli elettrici all'anno, con esportazioni verso i Paesi della regione.

Visionari o sognatori?

La domanda ora è se questi nuovi marchi troveranno i clienti lontano dai loro mercati nazionali. È sempre bene avere più scelte e sicuramente i consumatori in Vietnam e Turchia potranno ora beneficiare di auto assemblate localmente.

I due marchi hanno sicuramente parecchio potenziale lì, soprattutto se hanno scommesso sulla elettrificazione. I mercati in via di sviluppo sono ancora in ritardo in termini di passaggio da ICE a EV. Qualsiasi tentativo di incoraggiare il passaggio è più che benvenuto.

Vinfast e TOGG, due nuovi brand dal reale potenziale?

Ma nei mercati maturi la realtà è più complessa. Invece di crescere, le vendite di auto nuove stanno diminuendo. C'è meno spazio per i marchi esistenti e, con l'eccezione di Tesla, le ultime nuove "proposte" stanno ancora lottando per trovare una parte decente del mercato. Essere in elettrico non basta più. Chi arriva per ultimo deve proporre una nuova soluzione, altrimenti semplicemente fallirà.

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.