La terza Polestar è un SUV elettrico super tecnologico da (almeno) 489 CV che dopo le anticipazione degli ultimi mesi è stato presentato nella sua veste definitiva.

Il modello si chiama ovviamente 3Polestar 3, porta in dote uno stile ispirato dal concept Precept e numerose raffinatezze in materia di design, sicurezza e confort di bordo.

Come tutte le Polestar si potrà acquistare rigorosamente online dal 2023 e sarà venduta anche in Italia con prezzi a partire da circa 90.000 euro.

Uno stile "tecnico"

Come accennato il design s’ispira al concept Precept presentato virtualmente nel 2020 nei giorni in cui si sarebbe dovuto svolgere il Salone di Ginevra annullato a causa della pandemia.

La Polestar 3 si presenta dunque con una linea molto "tecnica" e decisa nei tratti che dissimulano dimensioni di tutto rispetto: 4,90 metri di lunghezza, 2,12 di larghezza (includendo gli specchietti) e 1,61 di altezza per un passo che sfiora i 3 metri.

Polestar 3
Polestar 3
Polestar 3

L'impostazione muscolosa si fa notare e viene ulteriormente enfatizzata dalle soluzioni aerodinamiche con cui sono stati integrati gli spoiler sul tetto e soprattutto sul cofano anteriore. Spoiler che hanno una funzione reale per ridurre le turbolenze che si generano tipicamente sulle auto a "ruote alte".

Il family feeling Polestar si evolve di conseguenza: davanti la calandra diventa una smart zone in cui sono dichiaratamente integrati buona parte dei sensori che governano gli ADAS. Dietro, invece, la fanaleria orizzontale esalta tanto la larghezza quanto le capacità prestazionali della macchina, sottolineate da gomme da 22 pollici che fuoriescono visivamente dalla carrozzeria.

Una svedese digitale

Il minimalismo scandivo accennato dalla linearità della carrozzeria è ancora più evidente all'interno. La strumentazione si riduce a due schermi, quello davanti il volante e quello dell'infotelematica da ben 14,5" che consente di gestire praticamente tutto e poggia su un sistema operativo Android Automotive sviluppato in collaborazione diretta con Google.

Ma quando ci si spinge così avanti sul fronte digitale serve anche l'hardware. Questa Polestar nello specifico "lavora" con lo Snapdragon Digital Chassis per la connettività in cloud e con NVIDIA DRIVE per la gestione di tutti i dati provenienti dai sensori e dalle telecamere dei vari sistemi di assistenza alla guida.

Polestar 3

Bene la velocità computazionale, ma ci sono anche delle specifiche in grado di generare delle emozioni. A quelle acustiche ci pensa un super impianto hi-fi firmato Bowers & Wilkins composto da 25 altoparlanti che oltre ad esser disseminati nell'abitacolo, lo impreziosiscono grazie ai materiali pregiati che rivestono i vari speaker e woofer.

3 metri di abitabilità

Capitolo abitabilità, lo spazio a disposizione dei passeggeri in tutte le direzioni è assicurato dai 3 metri di passo (2,99 per la precisione), ma ci si deve accontentare di 484 litri per il bagagliaio che è un po' piccolo e non dispone di doppio fondo.

Abbattendo i sedili posteriori si può arrivare a 1.411 litri che si sommano ad un compartimento nascosto da 90 litri. Sotto al cofano anteriore c'è poi un ulteriore vano da 32 litri utile per riporre il cavo di ricarica.

Degno di nota come prima mondiale è l'installazione di due radar di bordo in grado di rilevare i movimenti e addirittura il respiro di bambini o animali eventualmente seduti dietro quando l'auto rimane parcheggiata. La macchina è in grado di attivare automaticamente il climatizzatore per ridurre il rischio di un colpo di calore o di ipotermia e ovviamente lancia un alert al guidatore.

Polestar 3

Aspettando la guida autonoma

Sempre a proposito di sensori funzionali alla sicurezza, Polestar si è affidata a fornitori d’eccellenza come Zenseact, Luminar e Smart Eye per studiare soluzioni mai viste nel mondo dell'auto.

In totale, la Polestar 3 monta cinque moduli radar, cinque telecamere esterne e 12 sensori agli ultrasuoni che sono pensati anche per aggiornamenti futuri e per la guida completamente autonoma.

A ciò si aggiungono altre due telecamere che monitorano gli occhi del guidatore, con la vettura che è in grado di emettere un messaggio acustico o visivo se si è distratti e si è in una situazione di potenziale pericolo. Addirittura, se il guidatore non interviene, è l’auto stessa a frenare automaticamente.

Polestar 3

Fino a 517 CV e 610 km di autonomia

La Polestar viene presentata con una configurazione a trazione integrale con due motori elettrici e due livelli di potenza. La versione di base eroga 489 CV e 840 Nm, mentre quella col Performance Pack ha 517 CV e 910 Nm.  In entrambi i casi la velocità massima è di 210 km/h, mentre l’accelerazione 0-100 km/h è di 5 secondi per la prima e 4,7 secondi per la seconda.

La batteria è da 111 kWh con architettura a 400V, può essere ricaricata fino a 250 kW di potenza in DC e, in ciclo di omologazione WLPT è in grado di percorrere fino a 610 km (nella configurazione meno potente). Inoltre, la vettura supporta la ricarica bidirezionale e può quindi "cedere" parte della sua energia alla rete elettrica o ad altre attrezzature.

Polestar 3

Di serie, la Polestar monta sospensioni ad aria, tetto panoramico in vetro, illuminazione LED esterna e interna e cerchi in lega da 21". I pacchetti Plus Pack e Pilot Pack (dotato anche della tecnologia LiDAR) includono diversi sistemi di assistenza alla guida, mentre il Performance Pack aggiunge una taratura specifica per le sospensioni, cerchi in lega da 22" e tanti dettagli in tinta Swedish Gold.

Il SUV elettrico sarà costruito da metà 2023 a Chengdu, in Cina, mentre da metà 2024 inizierà l’assemblaggio dei primi esemplari nell’impianto di Ridgeville, in South Carolina.

La Polestar 3 vista e raccontata dal vivo

 

La Polestar 3 in Italia

Come detto, la Polestar 3 arriverà in Italia da fine 2022, ma non dovremo aspettare così tanto prima di vedere la prima auto del marchio svedese dalle nostre parti. Dal 22 novembre, infatti, sarà disponibile la Polestar 2.

Nelle prossime settimane la Casa comunicherà i Polestar Space presenti sul territorio. Si tratta di showroom in cui vedere dal vivo la vettura, ma l'acquisto si potrà effettuare solo online come accade già per Tesla. Sempre dal sito ufficiale si potrà richiedere un test-drive, con la vettura che verrà consegnata direttamente a casa. Infine, l'assistenza si potrà effettuare nelle officine Volvo.

Il video ufficiale del reveal a Copenaghen

Fotogallery: Polestar 3