Nella Germania degli Anni '30, Borgward è tra i marchi più in crescita. Dopo i primi modelli marchiati Hansa-Lloyd, nel 1937 viene presentata la 2000, la prima vettura in cui compare effettivamente il nome Borgward. E' l'inizio di un'epoca di discreto successo, che raggiunge l'apice con l'Isabella del 1954, che viene declinata come berlina, familiare, coupé e cabriolet.

La storia del brand, però, termina nel 1961 con la dichiarazione di bancarotta. Prima di rivedere una Borgward bisogna aspettare il 2017, quando al Salone di Francoforte viene presentata la Isabella Concept.

Un'Isabella da fantascienza

Lungo 5 metri, largo 1,92 m e alto 1,40 m, il concept è progettato da Anders Warming, ex designer di MINI e BMW (e attualmente "autore" delle nuove Rolls-Royce). A dare vita alla Isabella Concept è la filosofia "Impression of Flow" che avrebbe dovuto caratterizzare anche i modelli successivi della gamma Borgward.

Borgward Isabella Concept (2017)

Borgward Isabella Concept (2017)

Le fiancate e la zona posteriore si richiamano alle proporzioni dell'Isabella Coupé degli anni '50, così come la verniciatura bicolore in "Zeitgeist Blue 1" e "Zeitgeist Blue 2". Ci sono poi le portiere a scorrimento laterale, che fanno sembrare la vettura una vera astronave.

Passando agli interni, nella zona superiore della console centrale è integrato un display olografico in grado di mostrare varie schermate. Il volante non ha comandi fisici, mentre lo schermo è posizionato in alto per distrarre il meno possibile il guidatore. 

Borgward Isabella Concept (2017)

L'anteriore della Borgward Isabella Concept

La console è chiamata "tavola da surf" per la sua forma molto particolare ed è integrata stilisticamente in un cruscotto dal design davvero essenziale. Quest'ultimo integra le visuali delle telecamere montate al posto degli specchietti retrovisori.

L'elettrica mai nata

La Isabella Concept si basa sulla piattaforma "ePropulsion" 100% elettrica. Così, il prototipo vanta un motore elettrico per asse, 300 CV complessivi, 4,5 secondi per raggiungere i 100 km/h, 250 km/h di velocità massima e un'autonomia fino a 500 chilometri.

Borgward Isabella Concept (2017)

Gli interni della Borgward Isabella Concept

Al momento del lancio, la nuova Borgward (supportata da Christian Borgward, nipote del fondatore Carl e dai cinesi di Beiqi Foton Motor, un marchio della galassia BAIC) è particolarmente ottimista.

Secondo le stime iniziali, ci si attende 70.000 vendite e 1,5 miliardi di euro all'anno. E per l'Europa sono pronti anche modelli di serie come il SUV BX7 TS e altre vetture come BX5 e BX6.

Tuttavia, a causa dei bassi risultati di vendita sul mercato cinese, il progetto di Borgward non è mai partito nel Vecchio Continente. Il picco è stato raggiunto nel 2019 con 45.000 consegne nel Paese del Dragone, mentre nella primavera 2022 è arrivato il (nuovo) fallimento.

 

 

 

Fotogallery: Borgward Isabella Concept (2017)