Negli ultimi anni la Turchia è diventata sempre più importante per Alfa Romeo. Questo mercato oggi si colloca al primo posto nella regione del Medio Oriente e dell'Africa. Non c'è da stupirsi quindi se Jean-Philippe Imparato, amministratore delegato del marchio, lo abbia scelto come primo viaggio di lavoro all'inizio del 2024 (e anche del 2023).

Durante la visita, Imparato è stato intervistato dai nostri colleghi di Motor1.com Turchia e ha rilasciato dichiarazioni interessanti.

Le Alfa Romeo piacciono sempre di più ai turchi

Imparato si è detto molto soddisfatto del raddoppio delle vendite di Alfa Romeo nel 2023. In un mercato di oltre 1,2 milioni di persone, il marchio del Biscione ha ottenuto buoni risultati, soprattutto con la Tonale, archiviando lo scorso anno con circa 70.000 vendite a livello globale.

Durante l'intervista Imparato ha condiviso un'altra informazione interessante, affermando che per la prima volta i modelli Alfa Romeo mantengono il 58% del loro valore dopo 60.000 chilometri.

Alfa Romeo Tonale

Alfa Romeo Tonale

Foto - Alfa Romeo 33 Stradale (2023)

Alfa Romeo 33 Stradale

Imparato, che ovviamente attribuisce grande importanza alla redditività, ha detto che per questo motivo in futuro si prenderanno in considerazione modelli come la 33 Stradale in produzione limitata, mantenendo tuttavia come priorità i SUV, gli attuali preferiti da tutto il mondo. La B-SUV Milano è infatti promessa per la primavera.

Alfa Romeo Milano teaser

Alfa Romeo Milano, il teaser

Dichiarando di voler entrare in futuro nel segmento E, Imparato ha affermato che l'opzione Quadrifoglio di ogni modello sarà introdotta a partire dal 2025 e, proprio mentre stavano parlando del passato sportivo del marchio, Motor1.com Turchia ha chiesto di far luce sul futuro dell'Alfa Romeo nel motorsport.

Il WEC nel futuro dell'Alfa Romeo?

Quando i colleghi turchi hanno chiesto cosa farà il marchio dopo aver lasciato la Formula 1 al termine della stagione 2023, la risposta è stata ancora una volta molto logica. Affermando che oggi non ha senso per l'Alfa Romeo partecipare a competizioni come la Dakar o il WRC, Imparato ha dichiarato che il passo più logico sarebbe il WEC.

Precisando che una decisione definitiva sarà presa nel 2024, Imparato ha affermato che, dopo i preparativi, sarà possibile partecipare alla stagione 2026 dell'organizzazione. Il motivo per cui l'amministratore delegato non si è espresso in modo definitivo è economico; i budget stanziati per le gare di durata, ha spiegato l'ad, hanno subito fluttuazioni negli ultimi anni, quindi c'è bisogno di un'analisi accurata.

Imparato ha anche dichiarato che l'Alfa Romeo parteciperà a questa serie per almeno 3-5 anni dopo essere stata coinvolta nell'organizzazione e che il feedback della Formula 1 è persino migliore di quanto si aspettasse.