Nuova scossa al conto economico di Ferrari, che chiude il 2023 ancora una volta con risultati record: il fatturato è salito a 5,970 miliardi di euro (17,2%), l'Ebit adjusted (utile operativo) a 1,617 miliardi (+31,8%) e l'utile netto ha superato il miliardo, a 1,257 miliardi (+34%).

Le vetture consegnate lo scorso anno sono state 13.663 (+442 unità).

Foto - Ferrari Purosangue - Prova su strada - immagini

Foto - Ferrari Purosangue - Prova su strada - immagini

“Il 2023 è stato un anno di grande successo, durante il quale abbiamo rafforzato il nostro marchio attraverso una serie di traguardi che si riflettono nei nostri risultati finanziari senza precedenti. Per la prima volta il nostro utile netto, in crescita del 34%, ha superato il miliardo di euro e il margine annuale dell’ebitda è salito al 38,2%” ha commentato l’amministratore delegato Benedetto Vigna. “Abbiamo ora davanti a noi un anno molto importante per l’esecuzione del nostro piano industriale, che prosegue con puntualità lungo un percorso accuratamente delineato. I risultati record del 2023, le ambizioni che abbiamo per il 2024 e l’eccezionale visibilità sul nostro portafoglio ordini ci permettono di guardare con rafforzata fiducia alla fascia alta dei target 2026”.

La redditività balza al 27,1%

Il margfine Ebit, cioè la redditività del core business industriale, sale di 300 punti base e arriva  al valore monstre del 27,1%.

Tra le varie tabelle che sintetizzano l'andamento economico del Cavallino emergono solamente due segni meno in termini di variazioni percentuali. Uno riguarda la vendita di motori (-18%) a 127 milioni, risultato dovuto essenzialmente alla diminuzione delle consegne a Maserati, il cui contratto è scaduto a fine 2023.

L'altro segno meno riguarda le vendite nell'area Cina continentale, Hong Kong e Taiwan, scese del 4% a 1.490 unità, per effetto soprattutto di un forte arretramento nell'ultimo trimestre dell'anno: 118 vetture in meno (-25%).

Cavallino d'America

Nelle altre aree le consegne sono al contrario salite: la regione EMEA ha registrato un aumento dell’1,8%, le Americhe del 10,6% e la regione Resto dell’APAC è rimasta sostanzialmente invariata.

Ferrari 812 Competizione, la prova

Ferrari 812 Competizione

Nel corso dell’anno, si legge in una nota, l'aumento delle consegne è stato trainato dalla Purosangue, in fase di accelerazione nel secondo semestre, e dall'aumento delle consegne delle famiglie 296 e SF90. Nel quarto trimestre sono iniziate le prime consegne della Roma Spider. Durante l’anno si sono concluse le consegne della famiglia F8 e la Portofino M si è avvicinata alla fine del suo ciclo vita. Sono inoltre aumentate le consegne delle Serie Speciali, trainate dalla famiglia 812 Competizione. Le allocazioni della Daytona SP3 sono proseguite secondo i piani.

Le stime per il 2024

Nel portafoglio prodotti del 2023 sono compresi undici modelli con motore a combustione interna e quattro modelli a motore ibrido, che hanno rappresentato rispettivamente il 56% e il 44% delle consegne totali.

La guidance 2024, ovvero le previsioni per l'anno in corso che tengono conto delle stime di fattori positivi e negativi sui conti, indica ricavi netti superiori a 6,4 miliardi e un margine Ebit ancora superiore al 27%.

La conference call

"Il portafoglio ordini copre il 2025 e ci dà fiducia per guardare al futuro, ma dobbiamo tenere sempre i piedi per terra, continuando a crescere sulla top line del piano e consolidando i margini percentuali che prevediamo di espandere ulteriormente verso la fine del nostro piano industriale", ha spiegato Vigna nella conference call con gli analisti, annunciando che il premio di competitività per ciascun dipendente può arrivare quest'anno a circa 13.500 euro.

Benedetto Vigna

Benedetto Vigna

Vigna si è soffermato sulla crescita attesa dei ricavi dell'area lifestyle e sui progressi fatti sul fronte della neutralità carbonica. Parlando dell'attività di personalizzione, il Ceo di Maranello ha spiegato la filosofia "different Ferrari for different moments, different Ferrari for different ferraristi".

Vigna ha anche aggiunto: "Inaugureremo l'e-building a giugno, esattamente due anni dopo l'ultimo Capital Markets Day. Arricchiremo ulteriormente l'offerta di prodotti sportivi con il lancio di 3 nuovi modelli".