Renault Kadjar, il gene dell’ambizione

E tre. Renault con la Kadjar mette il terzo tassello nella sua gamma di crossover che, dopo Captur ed Espace, può contare su un altro membro per continuare un’ascesa commerciale che la vede protagonista sia in Europa sia in Italia, pronta a spiccare il salto verso la Cina proprio con la Kadjar che sarà la prima Renault prodotta sotto la Grande Muraglia. Dunque un modello che non c’era e gli uomini della Losanga non ne vogliono proprio sapere quando gli si dice che l'auto sostituisce la Koleos: questa è un’altra storia – ripetono come un mantra – anzi il Suv in gamma diventerà il quarto crossover in gamma, quello di dimensioni medie. Ma bisognerà aspettare nel 2017. E la Scénic farà la fine della Modus? Nient’affatto: anche il monovolume compatto vivrà ancora e, al contrario della Espace, non sarà costretto a cambiare destinazione d’uso.


Confronto inevitabile. E voluto...


Ma perché continuare a parlare di altre Renault se abbiamo di fronte la Kadjar? Mentalmente parte subito il confronto con la Nissan Qashqai che alla cugina francese presta la piattaforma modulare CMF e il 60% dei componenti, ma fuori sembrano solo concorrenti. Che fa rima con parenti. E con serpenti. Del resto alla Captur è bastato pochissimo tempo per sbaragliare la Juke, perché alla nuova venuta non potrebbe riuscire altrettanto? Anche perché penso che Laurens Van Den Acker e il...