Leggete e guardate la prima prova di quella che per molti è la regina del Salone dell’Auto di Torino 2018

È stato un continuo gioco di sguardi quello tra l’Alfa Romeo Mole Costruzione Artigianale 001 e le persone venute a Torino per il Salone di quest’anno. Ad emozionare il pubblico sono stati - in particolare - gli occhi di questa sportiva, rivista dal designer Umberto Palermo partendo da un'Alfa 4C: la forma dei fari anteriori infatti riprende quella dei gruppi ottici dell’Alfa Romeo Giulia, ma con una soluzione diversa dal solito che crea un effetto visivo simile a quello degli archi rampanti, un elemento tipico dell’architettura gotica. Si tratta di un dettaglio che ha entusiasmato gli appassionati che l’hanno vista di persona sullo stand al Parco del Valentino. Me compreso! E ora, come vi racconto anche nel video, vi posso dire anche che sensazioni si provano guidandola.

Com’è

Nuovo sguardo, dunque, rispetto ad un’Alfa Romeo 4C di serie, ma ad essere cambiato imitando la Giulia Quadrifoglio è tutto il frontale. Con un muso molto verticale, come si percepisce guardando il laterale della macchina, che così è più lunga di 30 cm e più larga di 6 cm rispetto al modello da cui deriva. Sulle fiancate ci sono due loghi molto grandi: il marchio della UP Design - la Mole Antonelliana - e il Biscione, che a destra nasconde il tappo del bocchettone per fare benzina. E come il frontale, anche il posteriore è molto scenografico, con il lunotto in vetro sostituito da un pannello a feritoie orizzontali, incorniciate da luci circolari che sono montate all’interno di due nicchie disegnate come i fari orizzontali appuntiti tipici di molti modelli Alfa Romeo. Il tutto, con in basso l’estrattore e i quattro terminali di scarico inclinati ripresi dalla Giulia Quadrifoglio.

Alfa Romeo Mole Costruzione Artigianale 001
Alfa Romeo Mole Costruzione Artigianale 001

Come va

Motore 1.750 turbo 4 cilindri da 240 CV, cambio doppia frizione a 6 marce e un peso dichiarato che sta sotto i 900 kg. I numeri, insomma, dell’Alfa Romeo Mole non cambiano rispetto alla 4C “normale”. Alcune sensazioni, però, sì. Il volante, prima di tutto, che con il rivestimento in pelle Tramontano ha un’impugnatura più piacevole, che permette di controllare meglio lo sterzo senza servoassistenza che rende unica la guida di questa sportiva. Come anche un paio di altre caratteristiche, che potete scoprire guardando il video.

Alfa Romeo Mole Costruzione Artigianale 001

La curiosità

“Non è facile disegnare una bella Alfa Romeo. Complimenti!”. Sono le parole che Alfredo Altavilla di FCA ha detto - almeno secondo il testimone con cui ho parlato - ad Umberto Palermo, dopo aver visto la macchina di persona al Parco del Valentino. Questo però non significa che l’Alfa 4C avrà un erede, visto che da pochi giorni è stato reso noto il piano industriale di questo marchio fino al 2022, che prevede sì nuovi modelli sportivi, ma più grandi e potenti: la coupé Alfa Romeo GTV e la supercar Alfa Romeo 8C.

Quanto costa

Il prezzo di partenza per un’Alfa Romeo 4C di serie è di almeno 65.500 euro. A cui aggiungere la trasformazione pensata da UP Design anche per celebrare l’unione industriale con Adler Group, che proprio per la 4C già produce il telaio in fibra di carbonio. Per il momento, però, l’Alfa Romeo Mole Costruzione Artigianale 001 è un esemplare unico. L’obiettivo, tuttavia, è quello di realizzare una piccola serie per chi magari è già un collezionista di Alfa storiche, sulla scia dell’entusiasmo degli appassionati che l’hanno incontrata dal vivo al Salone dell’Auto di Torino.

Leggi anche:

Alfa Romeo 4C

Motore 1.750 turbo benzina
Potenza 240 CV
Accelerazione 0-100 km/h 4,5 sec.
Velocità Massima 258 km/h
In vendita esemplare unico
Prezzo della versione provata trattativa privata

Gallery: Alfa Romeo Mole Costruzione Artigianale 001