Il piano industriale FCA comprende anche un'inedita super sportiva ibrida per il marchio del Biscione. Iniziamo ad immaginarla a partire dal bozzetto ufficiale

Era il 2014 e nel piano industriale di Alfa Romeo compariva, sotto un telo rosso, un misterioso modello identificato da nome “Speciality”. Nei successivi 4 anni non se ne è più parlato e il palcoscenico è stato tutto per Giulia e Stelvio, i 2 modelli del rilancio del Biscione. Venerdì 1° giugno, in occasione della presentazione del nuovo piano industriale di FCA si è tornati a parlare di un modello speciale firmato Alfa Romeo, questa volta con tanto di nome, 8C, accompagnato da un primo bozzetto. Da questo siamo partiti per immaginare come sarà la futura supercar Alfa.

Super Biscione elettrificato

Già, Alfa Romeo 8C, come la bellissima sportiva a tiratura super limitata (500 coupé e 500 cabrio) del 2007. Questa volta però a muoverla non ci sarà unicamente un motore benzina: come illustrato ieri nel piano industriale la nuova 8C sarà elettrificata, ma non per inquinare meno, bensì per superare quota 700 CV, quanto basta per stracciare la classica accelerazione 0-100 in meno di 3”. Come le supercar più “super” del pianeta. Un’auto esclusiva che avrà motore endotermico (benzina biturbo) centrale incastonato in una carrozzeria monoscocca in carbonio, così da avere un peso notevolmente basso.

Speciale e per pochi

Con presupposti così non ci si può aspettare che la nuova Alfa Romeo 8C sia un’auto per tutti. Se diventerà una instant classic, capace di solleticare i portafogli dei ricchi appassionati saranno i posteri a dircelo, ma i presupposti sembrano esserci tutti. Per quanto riguarda lo stile c’è poco da dire: a osservare il bozzetto le linee sembrano riprendere più quelle di una Ferrari piuttosto che le sinuose curve della 8C precedente dell’auto che la aveva ispirata: la mitica 33 Stradale.

Alfa Romeo

Leggi anche:

Alfa Romeo 8C, cominciamo ad immaginarla