Un crossover compatto che punta su spazio e praticità. E si guida anche molto bene

Il mercato chiama e Ford risponde, rispolverando un nome che a fine anni '90 ha fatto sognare migliaia di neopatentati. La nuova Ford Puma però, con la coupé che (forse) molti ricordano ha poco a che fare: è più grande, più alta ed è la prima piccola dell'Ovale Blu ad essere anche mild hybrid. È lei la protagonista di questo Perché Comprarla.

Pregi e difetti

Da fuori, con 4 metri e 18 di lunghezza è poco più lunga di una Fiesta anche se la piattaforma è la stessa. Si tratta però di un crossover, quindi anche altezza e larghezza crescono dando a questa piccola Ford molta presenza su strada. Le linee sono movimentate e dinamiche e trasmettono simpatia, soprattutto davanti con le due gobbe sul cofano e la firma a LED dei fari che ricorda quella della Ford GT. L’allestimento ST-Line X, una novità nel listino Ford, è quello più sportivo disponibile, con cerchi da 18, assetto ribassato ed elementi neri a contrasto.

Ford Puma (2020) ST Line X Design

Dentro, plastiche soft touch si alternano sulla plancia a finiture in alluminio e a inserti zigrinati, mentre sulla portiere nella parte alta e all’altezza dei braccioli troviamo anche pelle con cuciture a vista. Tutto è esattamente lì dove te lo aspetti, senza sorprese, e gli assemblaggi sono buoni. In totale ci sono 2 prese USB e una 12V e non mancano tanti grandi vani portaoggetti. Al centro della consolle c'è lo schermo da 8" del sistema di infotainment SYNC3 abbinato, per la prima volta, alla strumentazione digitale da 12,3" dietro il volante.

Grande e molto ben sfruttato il bagagliaio che, con 456 litri di capacità minima, è tra i più spaziosi, e intelligenti, della categoria. Sotto il piano infatti c'è la MegaBox, un vano da 80 litri extra a tenuta stagna che può essere usato anche per caricare oggetti fino a 1 metro e 15 di altezza.

Ford Puma (2020) ST Line X Design
Ford Puma (2020) Titanium X

Le dimensioni sono quelle giuste per muoversi in città senza problemi: stando in alto si ha una buona visibilità intorno alla macchina ma nelle manovre di precisione conviene fare affidamento sui sensori e sulla retrocamera. Il motore è il più potente a listino, un 1.0 tre cilindri da 155 CV mild hybrid, quindi con un sistema azionato a cinghia da 11,5 kW che va a sostituire l’alternatore. Questo permette di immagazzinare l’energia che andrebbe persa durante le frenate in una piccola batteria agli ioni di litio per poi restituirla aiutando nelle accelerazioni e facendo funzionare i sistemi elettrici di bordo. L’assetto, con i cerchi da 18", è abbastanza rigido.

L’inserimento in curva è rapido ma i centimetri di altezza in più si sentono per cui anche non esagerando il rollio invoglia a moderare l’andatura. Lo sterzo in modalità Comfort e Eco è leggero ma il volante fa sempre percepire bene quello che passa sotto le ruote, ma mettendo in Sport le cose non cambiano molto. Il carico rimane praticamente costante, è poco diretto e non ne guadagna in precisione.

Ford Puma (2020) ST Line X Design

Quando si preme sull'acceleratore il modulo elettrico aiuta il motore con un boost di 20 Nm di coppia. Nella parte bassa del contagiri non soffre mai, non va sottocoppia, e questo permette di andarsene via rapidamente senza dover scalare marcia compensando il vuoto in basso lasciato dal 1.0 prima che entri il turbo. Una delle cose che però danno più soddisfazione è il cambio manuale a sei marce che ha una leva abbastanza corta con gli innesti che sono precisissimi quindi non fanno rimpiangere più di tanto la mancanza di un automatico.

Non mancano tutti gli assistenti alla guida di ultima generazione, dal cruise control adattivo (che però non arriva fino a 0 km orari con il cambio manuale) all’avviso dell’angolo cieco. Il sistema di mantenimento della corsia non ha una funzione di centering e tende a far rimbalzare la macchina tra le linee.

Quanto costa

Si parte da 22.750 euro per il benzina da 125 CV. Quattro gli allestimenti, Titanium, ST-Line, Titanium X e ST-Line X, con una differenza di 3.000 euro tra la versione d’ingresso e la top di gamma. Le varianti mild hybrid partono dai 23.250 euro della 125 CV e arrivano ai 25.500 di quella più potente da 155.

L’unico diesel disponibile è il 1.5 da 120 CV da 24.000 euro, mentre il cambio automatico si può avere su tutte le motorizzazioni ad eccezione di quelle mild hybrid e costa 2.250 euro in più.

Fotogallery: Ford Puma (2020)