La compatta francese si evolve nelle forme, ora è un crossover coupé, e nel comfort messo sotto stress nella Città Eterna

Con la nuova generazione la Citroen C4 è stata stravolta in ogni sua parte, non solo nell'estetica. Certo, le sue forme da crossover coupé colpiscono fin da subito e nulla hanno a che fare con la generazione precedente, ma sono la punta di un'iceberg fatto di tante novità.

Novità che, per la stragrande maggioranza, fanno parte del programma Advanced Comfort del Double Chevron che, come suggerisce il nome, punta sull'offrire il massimo del relax ai suoi occupanti.

A partecipare sono numerosi elementi con uno in particolare: gli smorzatori idraulici delle sospensioni, artefici dell'effetto "tappeto volante". Un concetto che abbiamo voluto spiegare sfruttando una delle tante peculiarità di Roma: le buche.

Chi vince?

Gli automobilisti della Capitale conoscono fin troppo bene l'argomento, con alcune strade simili a scenari lunari e veri e propri crateri a scuotere gli spostamenti cittadini. Quando va bene, mentre quando va male si salutano gomme e cerchi e si aspetta il carro attrezzi.

Nuova Citroen C4 e le buche di Roma
Nuova Citroen C4 e le buche di Roma

Si balla a Roma. Ma cosa succede quando si percorrono le sue tormentate strade a bordo di un'auto che, come la nuova Citroen C4, mette in campo un assetto particolare? Dai sanpietrini all'eterna Appia Antica, passando per radici e buche di ogni forma a dimensione, abbiamo stressato a più non posso le sospensioni della francese, per capire come lavorano e in che modo possono migliorare passaggi su terreni ostili.

Nuova Citroen C4 e le buche di Roma
Nuova Citroen C4 e le buche di Roma

La capacità di digerire le asperità del terreno passa anche da altri elementi come i sedili imbottiti con una speciale schiuma poliuretanica, con differenti densità per sorreggere al meglio il corpo e non farlo sprofondare, assicurando però allo stesso tempo la giusta morbidezza. Sedili particolari non solo nell'imbottitura ma anche nella forma, con seduta e schienali più larghe del solito, per dare un effetto da poltrona di casa.

La protagonista

Presentata nel 2004 in veste di classica compatta a 2 volumi con la nuova generazione la Citroen C4 ha cambiato completamente ricetta, rialzando l'assetto e vestendo una carrozzeria da coupé caratterizzata da numerose linee che si incontrano, a darle un aspetto dinamico con misure che dicono 4,36 metri di lunghezza, 1,83 di larghezza, 1,52 di altezza e 2,67 di passo.

Nuova Citroen C4 e le buche di Roma

Un modello completamente nuovo nell'aspetto e nella meccanica, ora basata sulla piattaforma CMP di PSA che permette alla C4 di muoversi non solo con classici motori benzina e diesel, ma anche accompagnata dal silenzio della motorizzazione elettrica. Una versione emissioni zero da 100 kW (136 CV) con batterie da 50 kWh che le permettono di percorrere fino a 350 km con una ricarica.

Anche all'interno è tutto nuovo, con richiami agli altri modelli della Casa conditi con particolari dedicati a partire dalla plancia, col grosso monitor da 10" sistemato sulla sommità e affiancato da un altro dsa 5,5" per la strumentazione digitale, accattivante nella grafica ma non ricchissima di informazioni, proiettate però sull'head up display.

Fotogallery: Nuova Citroen C4, alla ricerca delle strade più bucate di Roma