Il V8 biturbo è affiancato dal sistema EQ Boost a 48V e nella variante S passa da 0 a 100 in appena 3,7”

Prima è toccato alla versione classica e ora anche la nuova Mercedes GLE Coupé viene sottoposta alla cura AMG, ottenendo così il classico V8 biturbo di 4 litri accompagnato da un sistema mild hybrid a 48V, per un totale di 571 o 612 CV, a seconda che si scelga la versione normale o la più potente S.

La gamma delle Mercedes ritoccate dalla Casa di Affalterbach si amplia ulteriormente, partendo dalla più piccola A 45 AMG per arrivare al mastodontico GLS 63 AMG da 612 CV per uno 0-100 in 4,2”.

Non passa inosservata

Lo stile è naturalmente quello della nuova generazione di GLE Coupé, presentata a fine 2019, con l’aggiunta di elementi stilistici e aerodinamici tipici di AMG. Si parte con la grossa mascherina a listelli verticali, le altrettanto generose prese d’aria inferiori, il cofano ridisegnato con e le minigonne con battitacco in alluminio.

Fotogallery: Mercedes-AMG GLE 63 S Coupe

Al posteriore fa bella mostra di sé il nuovo diffusore nero dal quale sbuca la doppia coppia di scarichi rettangolari. La stessa tinta caratterizza i cerchi in lega da 21” o 22”, questi ultimi di serie sulla GLE 63 AMG S. Se il nero vi piace particolarmente si può poi optare il pacchetto “Night AMG” che aggiunge vetri atermici sfumati scuri, splitter frontale, gusci specchietti e cornici dei finestrini neri e altri elementi decorativi in tinta scura.

Una caratterizzazione sportiva che continua in abitacolo, rivestito in pelle con sedili sportivi, volante con corona tagliata nella parte bassa e con comandi specifici per richiamare i vari settaggi di guida, pedaliera in acciaio, possibilità di scegliere inserti in carbonio e il classico doppio monitor del sistema MBUX, aggiornato con menù dedicati.

Mercedes-AMG GLE 63 S Coupe

Potente o più potente

Esattamente come le altre AMG anche la Mercedes GLE offre una doppia scelta per quanto riguarda la cavalleria “spremuta” dal classico V8 4 litri biturbo benzina: 571 o 612 CV a seconda che si scelga la versione normale o la S. Per entrambe è prevista la presenza del sistema EQ Boost a 48V, con motore elettrico porta in dote 22 CV e 250 Nm in più per un breve momento, grazie ai quali il grosso SUV coupé della Stella beneficia di uno spunto migliore in fase di accelerazione, con 0 - 100 in 3,7" e velocità massima di 280 km/h.

Il modulo mild hybrid permette inoltre di recuperare energia in frenata e come alternatore, oltre che come sistema stop&start evoluto. Una tecnologia che, assieme alla disattivazione di metà dei cilindri – quando non viene richiesta tutta la potenza – mira a ridurre consumi ed emissioni.

Mercedes-AMG GLE 63 S Coupe

Per entrambe le versioni è prevista la trasmissione automatica SPEEDSHIFT TCT AMG a 9 rapporti unita alla trazione integrale 4Matic+, con differenziale autobloccante a gestione elettronica sull'asse posteriore e in grado ripartire istantaneamente la coppia tra i 2 assi grazie a una frizione a regolazione elettromeccanica. Di serie è previsto anche l’ assetto con sospensioni pneumatiche di serie, settabile in 3 modalità: Comfort, Sport e Sport+ mentre a richiesta si può avere, tra le altre cose, l'impianto frenante carboceramico

Sempre parlando di settaggi, la Mercedes GLE 63 AMG Coupé dispone di 7 differenti modalità di guida: Comfort, Sport, Sport+, Individual, Trail, Sand e Race, esclusiva per la AMG S. I vari programmi modificano differenti parametri del SUV, come taratura dell’ESP, altezza delle sospensioni e risposta di motore e cambio.