L'ACI ha attivato il servizio per supportare gli automobilisti nelle pratiche in questo periodo di Coronavirus

Siamo nel pieno dell'emergenza Coronavirus e, con gli uffici ACI chiusi, molti automobilisti sono in difficoltà per quanto riguarda il pagamento del bollo che non è stato prorogato in tutte le Regioni (ecco le sospensioni Regione per Regione) e per tutte le pratiche riguardanti patenti e fogli rosa in scadenza, visure e libretti di circolazione.

Per questo, da due settimane l'ACI ha messo a disposizione degli utenti il numero verde 800.18.34.34 (operativo dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 14, festivi esclusi) e la casella mail presidiourpcovid19@aci.it per dare supporto in questo difficile momento e rispondere a tutte le domande sulla gestione amministrativa del proprio veicolo. Questi servizi rientrano tra le iniziative di ACI per ridurre al minimo gli spostamenti fisici sul territorio garantendo la continuità del lavoro con gli operatori PRA operativi in smart working.

Via PEC sono attive le richieste di carattere giuridico

Oltre ai servizi base, i privati possono chiedere online anche la cancellazione di fermi amministrativi di veicoli a loro intestati, gli avvocati possono inviare via PEC le domande di iscrizioni e cancellazioni di pignoramenti e sequestri, trascrizioni e cancellazioni di domande giudiziali, iscrizioni di ipoteche giudiziali e visure nominative (gli indirizzi PEC ed e-mail si trovano sul sito www.aci.it nella sezione “Sedi e Punti di servizio”.

Oltre 5.000 automobilisti soddisfatti

Ogni giorno il servizio ha contato oltre 400 chiamate al numero verde e 100 mail, con più di 5.000 automobilisti che sono stati supportati nella gestione delle loro pratiche. Complessivamente, da metà marzo ad oggi sono arrivate 3.913 chiamate al numero verde e 1.171 messaggi alla casella mail.

Scadenza e rinnovo di patente, foglio rosa e libretto di circolazione sono gli argomenti più gettonati con il 33% delle telefonate e il 40% delle mail; al secondo posto troviamo assistenza e disbrigo di pratiche e visure PRA con il 22% delle chiamate e il 13% dei messaggi, mentre al terzo posto il bollo auto con il 21% delle telefonate e il 16% delle mail.