367 CV totali e 5,7 secondi per scattare da 0 a 100 km/h, anche in modalità 100% elettrica e con bagagli e famiglia al seguito

Dopo l'A6 berlina, la A7 Sportback e i SUV Q5 e Q7, anche sotto il cofano della wagon di punta della gamma Audi, la A6 Avant, arriva ora il nuovo powertrain ibrido plug-in che, a differenza della berlina, è disponibile solo nella sua versione più potente identificata dalla sigla 55 eTSI.

Da fuori cambia poco, con le caratterizzazioni che a stento la distinguono dalle altre A6 Avant. Le novità stanno tutte sotto il cofano, con l'abbinamento dei due motori che riesce a garantire prestazioni da sportiva e un'efficienza in termini di autonomia elettrica e gestione del sistema impensabile fino a pochi anni fa.

Benzina più ibrido per 367 CV totali

Sotto il cofano della nuova Audi A6 Avant 2.0 eTFSI c'è un powertrain composto da un quattro cilindri da 2.0 litri turbo benzina da 252 CV e 370 Nm di coppia abbinato ad un motore elettrico sincrono a magneti permanenti capace, da solo, di 143 CV e 350 Nm di coppia. La potenza complessiva è di 367 CV e 500 Nm di coppia massima disponibili già da 1.250 giri/min, scaricata a terra grazie alla trazione integrale quattro e al cambio automatico S tronic a 7 marce. Le prestazioni non sono niente male, con la velocità massima autolimitata a 250 km/h (135 km/h in modalità 100% EV) e un'accelerazione da 0 a 100 in 5,7 secondi.

Non si tratta però di un sistema a quattro ruote motrici permanente dato che, in questo caso, la catena cinematica opera ripartendo la coppia al retrotreno solo quando necessario e seguendo una logica d'intervento predittiva. La trazione quindi è anteriore nella maggior parte delle situazioni a meno che non si verifichino perdite di aderenza o si viaggi su terreni sdrucciolevoli.

Fotogallery: Audi A6 Avant 55 eTFSI quattro (2020)

La macchina legge la strada e sceglie la modalità di guida più efficiente

Selezionando la modalità EV dal tunnel centrale l'A6 può percorrere fino a 51 km dichiarati secondo il ciclo di omologazione WLTP in modalità 100% elettrica: il motore termico interviene una volta terminata la carica della batteria oppure quando si schiaccia a fondo l'acceleratore per garantire la massima prestazione. Il guidatore inoltre può optare anche per i programmi "Auto" e "Hold" che permettono alla macchina di gestire in autonomia la carica elettrica, procedendo in modalità ibrida o preservando la batteria a vantaggio di una successiva fase di viaggio.

Interessante la gestione predittiva della trazione: se è attiva la navigazione con una destinazione impostata, il Predictive Efficency Assist ottimizza la strategia di trazione favorendo sia la marcia in modalità puramente elettrica all'interno dei contesti urbani sia il recupero dell'energia. Il sistema funziona anche in base alla segnaletica stradale, alla distanza dal veicolo che precede e alla conformazione del terreno massimizzando l'efficienza della macchina senza che il guidatore dia alcun input.

Batteria da 14,1 kWh

La batteria agli ioni di litio è nascosta sotto il vano bagagli e ha una capacità di 14,1 kWh, con Audi che fornisce di serie il cavo per la ricarica domestica e quello per potersi collegare alle colonnine pubbliche. La potenza massima di ricarica è di 7,4 kW in corrente alternata (AC), picco che consente una ricarica completa in 2,5 ore. Considerando tutte le colonnine pubbliche in europa che appartengono a diversi gestori, Audi offre un abbonamento annuale che, tramite una specifica card, permette la ricarica presso qualsiasi colonnina ad un prezzo prestabilito.