Sotto il cofano il solito (superlativo) V6 da 510 CV e 600 Nm di coppia, con trazione posteriore e nuovi assistenti di guida

Prima la versione normale, quella che si accontenta di cavallerie normali e punta (anche) sul diesel. Poi è toccato a quella esagerata – in tutto e per tutto – destinata a pochi appassionati in tutto il mondo e sorta di auto-regalo per i propri 110 anni di vita. Oggi è il turno della via di mezzo, anche se definire “via di mezzo” un’auto da 510 CV è ingeneroso.

Ma la rinnovata Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio ha questo compito, quello di unire il mondo della berlina di rappresentanza a quello della belva da corsa, che per il Biscione fa rima con Giulia GTA.

Preziose conferme

Come detto all’inizio la rinnovata Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio conta ancora sui 510 CV e 600 Nm di coppia del V6 biturbo di 2,9 litri della versione precedente, abbinato ancora una volta alla sola trazione posteriore e al cambio automatico ZF a 8 rapporti.

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio m.y. 2020
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio m.y. 2020

Conferme anche per quanto riguarda il resto della meccanica e l’elettronica, con il sistema Alfa Active Suspension, il selettore DNA Pro che integra anche con la modalità RACE, dedicata alle sole Alfa Quadrifoglio, l’Alfa Active Aero splitter e l’Alfa Chassis Domain Control, per avere differenti setup a seconda delle condizioni. Nuovo è invece lo scarico Akrapovic opzionale, realizzato in titanio e capace di migliorare ulteriormente la voce del V6.

Di prestazioni non se ne parla,ma mantenendo intatti i dati del motore ci si aspettano ancora una volta 3,9” per passare da 0 a 100 km/h e velocità massima di 307 km/h.

Il video

Ti assiste

Una vera sportiva, come impone la presenza del quadrifoglio sulla carrozzeria, ma che non dimentica di essere una berlina – anche – da tutti i giorni. E così la rinnovata Giulia Quadrifoglio adotta tutte le nuove tecnologie portate al debutto dalla versione più tranquilla. All’interno si trova quindi il nuovo monitor touch da 8,8” per gestire il sistema di infotainment, ora connesso e con nuove funzionalità, mentre quando ci si trova nella noia di un’autostrada i sistemi di assistenza alla guida di Livello 2 vengono in nostro aiuto.

Cruise control adattivo e Lane Keep Assist fanno parte del gruppo, assieme ad Active Bling Spot Assist e sistema di riconoscimento della segnaletica stradale, solo per citarne alcuni.

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio m.y. 2020
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio m.y. 2020

Anche l’occhio…

Le novità riguardano anche le tinte disponibili per la carrozzeria, con 2 colori già visti sulla Giulia normale (Rosso 6C Villa d’Este e Ocra GT Junior) e il nuovo Verde Montreal, che già nel nome omaggia la coupé anni ’70 del Biscione. Ci sono poi inoltre anche vari accessori del catalogo Mopar, come il già citato scarico Akrapovic, luci posteriori brunite e diversi inserti in carbonio.

Prezzo e disponibilità dell’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio non sono ancora stati resi noti, ma il listino non dovrebbe discostarsi più di tanto dagli attuali 86.500 euro, mentre il lancio dovrebbe avvenire tra l’estate e l’autunno.

La scheda

Motore V6 biturbo benzina 2,9 litri
Potenza 510 CV
Coppia 600 Nm
Cambio Automatico ZF a 8 rapporti
0-100 km/h 3,9 secondi
Velocità massima 307 km/h
Principali novità

- Assistenti alla guida di Livello 2

- Monitor touch centrale 8,8"

- Infotainment sempre connesso

- Nuovi materiali per abitacolo

Prezzo tbd
Disponibilità tbd

 

Fotogallery: Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio m.y. 2020