Una Gran Turismo dalla linea affascinante e dalle prestazioni disarmanti: ecco la coupé del Tridente da tenere sott’occhio!

Qual è la Maserati che, potendo, comprereste senza pensarci un attimo, per passione e "investimento"? Il nostro Andrea in passato si è posto varie volte questo interrogativo, dandosi delle risposte che, ad Auto e Moto d’Epoca 2020, si sono trasformate in conferme. 
Considerando infatti vetture di “interesse storico” (o in procinto di esserlo), tra i tanti cartelli “venduta” esposti sui parabrezza di altrettante auto, ce ne sono stati alcuni che hanno riguardato una coupé del Tridente modenese, o meglio una GT. Sapete quale?

 

FASCINO PURO... 


Impareggiabile. Lo stile della 3200 GT (quella prodotta dal 98 al 2002, la tipo 338) è fuori discussione. Quei fari posteriori a mezza luna sono solo uno dei tanti segni distintivi del maestro Giugiaro, papà anche di Ghibli, Bora e Merak. E ancora, volendo celebrare la “purezza” di questo modello, c’è il suo motore V8 3.2 sovralimentato con due turbine, un propulsore integralmente Maserati. Purtroppo però, non è lei la GT protagonista di questa Dritta... 

 

...O PRESTAZIONI "RAMPANTI"? 


Se infatti riuscite a mettere da parte la purezza di stile della 3200 GT, allora anche voi potreste vedere la Coupé 4.2 così come la vediamo noi, quindi, preferirla.
Il motore è il fulcro sul quale girano le bramosie di chi intravede in questa Maserati una GT che, nel tempo, sarà sempre più interessante. Otto cilindri a V di 90° a carter secco, un gioiello in lega d’alluminio noto come F136, quello della 360 Modena: un 4,2 litri con distribuzione a 4 alberi a camme con 32 valvole e fasatura variabile in aspirazione, capace di 390 CV a 7.500 giri/min, cavalli che arriveranno a 400 con la GranSport, presentata al Salone di Ginevra nel 2004. 

NE VALE LA PENA 

Prestazioni esaltanti, ma non estreme, una vera GT che, se trattata da supersportiva, evidenzia però un assetto, un bilanciamento delle masse (circa 1.600 kg totali) e dei freni non sempre adeguati all'esuberanza del V8. Nonostante qualche componente migliorabile, è però il momento di considerarla visto il suo futuro in ascesa, come interesse e quotazioni, con prezzi che per ora sono da considerarsi assai equilibrati, sia che la preferiate con trasmissione Cambiocorsa sia col raro cambio manuale. 

Curiosi di saperne di più? Allora non perdetevi questa puntata delle Dritte di Andrea!