L'industria automobilistica segue diverse regole che non sono esplicite, ma ampiamente conosciute da tutti i player in campo. Ogni casa automobilistica cerca di soddisfare quello che il mercato intende come standard riguardo a svariati argomenti: sicurezza, design, tecnologia, prestazioni e qualità. Tutti cercano di innovare e 'fare rumore' con la propria interpretazione, ma finiscono per agire entro certi limiti.

Il ciclo di vita delle auto

Uno di questi limiti è il ciclo di vita di ogni auto. Significa il tempo che passa tra la presentazione di un nuovo veicolo e il momento in cui l'azienda interrompe la sua commercializzazione. Questo ciclo include il reveal, la presentazione, l'introduzione, la crescita, la maturità, il lifting, il declino e la reinvenzione/discesa. Succede alle auto e a molti altri prodotti sul mercato

Nel caso delle automobili, il tempo di ciclo di vita è solitamente determinato dal mercato. Nei paesi a basso reddito, le generazioni di automobili durano più a lungo con cicli di oltre 10 anni. È costoso sviluppare e lanciare una nuova generazione e i consumatori di solito non possono permettersi grandi investimenti. Nei mercati maturi o nelle economie sviluppate, la tecnologia e l'efficienza degli impianti consente ai costruttori di automobili di produrre più spesso nuove auto.

In Europa, Nord America, Corea del Sud, Giappone e più recentemente in Cina, stiamo vedendo le nuove generazioni di auto in media ogni sei o sette anni. I lifting arrivano dopo tre anni dal lancio.

68BA4A0F-528D-43EB-85FE-8CB93EE0940C

La Model S, una strana eccezione

Nonostante la regola non esplicita che riguarda il ciclo di vita del prodotto, ci sono delle eccezioni. Una di queste è la Tesla Model S. La berlina americana ha debuttato il 22 giugno 2012, dopo che i primi dieci clienti hanno ricevuto le loro auto presso la fabbrica Fremont. È stata la prima auto di serie di Tesla e ha dato vita a una nuova era per l'azienda.

foto-per-topic-motor1-numbers

Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

41903E99-E3C0-47DF-AD0F-039736B5BAA4

Da allora, il Model S ha ricevuto diversi aggiornamenti, lifting e miglioramenti che includono non solo il suo design esterno, ma anche le prestazioni e gli interni. L'odierna Model S è sicuramente un'auto migliore di quella presentata 10 anni fa. Tuttavia, è ancora la stessa in termini di piattaforma, struttura principale e design esterno complessivo. Una nuova generazione di solito comporta cambiamenti anche di questi elementi.

Durante questi 10 anni, ci sono state almeno due generazioni di Mercedes CLS ed E-Class, Audi A6 e BMW Serie 5. Anche se sono state introdotte nuove e più potenti versioni, la Model S, sulla base del suo record di vendite, sta perdendo molto terreno.

Se la concorrenza guadagna terreno

La domanda è perché Tesla stia impiegando così tanto tempo per lanciare un nuovo modello S? Parte del calo delle vendite si spiega con le sfide di produzione che Tesla ha dovuto affrontare nel suo stabilimento di Fremont e che hanno interrotto la produzione per alcuni mesi. Non c'erano quindi auto disponibili per l'acquisto. Tuttavia, il modello S sta invecchiando e sta affrontando più concorrenza che mai.

5A02729B-8FCD-4ED6-AC60-FEA1D6EA8208

L'anno scorso, per esempio, la Porsche ha quasi raddoppiato le vendite globali del modello S con la sua Taycan. La BYD Han electric, un concorrente diretto per il mercato cinese, ha venduto 79.000 unità, cioè quasi 4 volte di più.

Molti sosterranno che è ovvio vedere le vendite calare quando non c'è produzione. Eppure, non spiega perché il marchio stia prendendo così tanto tempo per introdurre una nuova generazione quando i suoi 'coetanei' si muovono più velocemente. È un approccio diverso?

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.