Il preparatore tedesco Manhart ha messo mano alla BMW X5 più potente a listino, per un cliente privato. Il risultato? Un super SUV da oltre 700 CV, con cerchi in lega dedicati, assetto rivisto e modifiche esagerate.

Potente

A passare per le mani degli specialisti di Manhart questa volta è stata una BMW X5 M Competition. Dotata del V8 S63 da 625 CV di base e 750 Nm, abbinato al cambio automatico ZF a otto rapporti e alla trazione integrale xDrive, è stata modificata sia meccanicamente che esteticamente per un cliente che non è riuscito ad accontentarsi della versione "base".

Manhart MHX5 700

Partendo proprio dal motore, il tuner tedesco si è occupato in primis di rimuovere i catalizzatori OPF (i corrispettivi dei filtri DPF dei motori a gasolio per i motori a benzina). Così facendo, grazie anche a due downpipe dedicati e a una rimappatura della centralina accurata, gli specialisti sono riusciti a ricavare 730 CV e 900 Nm di coppia dal 4.4 litri V8 bavarese.

A livello estetico, i designer di Manhart si sono poi presi la licenza di aggiungere dei nuovi cerchi in lega da 23 pollici e nuove molle per le sospensioni di produzione H&R.

Internamente invece non sono state apportate modifiche rispetto all'abitacolo originale (già ricoperto di pelle e carbonio) della X5 M Competition.

Manhart MHX5 700
Manhart MHX5 700
Manhart MHX5 700

Non è tutto oro

A seguito delle modifiche il tuner ha specificato che a queste condizioni l'auto non potrà più beneficiare dell'omologazione TUV, quindi non potrà più essere ufficialmente venduta in Europa.

Tuttavia è stato possibile realizzare il progetto grazie al fatto che questo specifico esemplare tra poche settimane sarà esportato all'estero (presumibilmente in America, dove le leggi in materia di modifiche sulle auto sono molto più permissive rispetto all'Europa).

Fotogallery: Foto - Manhart MHX5 700