Nell’anno del 50esimo anniversario della divisione M era uno dei modelli più attesi. Ed eccola finalmente qui, la nuova BMW M2.

La coupé sportiva bavarese è più muscolosa che mai, ha una dotazione molto completa per divertirsi anche in pista e un motore 3 litri 6 cilindri in linea portato a 460 CV, ossia ben 86 CV in più della M240i, finora la variante più potente di tutta la gamma della Serie 2 Coupé.

Il Nurburgring è la sua palestra

Dal punto di vista estetico, la BMW M2 2022 propone forme completamente diverse dalla Serie 2 Coupé tradizionale. Anche sulla carta i cambiamenti sono importanti, con una lunghezza e una larghezza aumentate di 4 cm per un totale rispettivamente di 4,58 m e 1,89 m, mentre il peso a secco è di 1.725 kg (circa 130 kg in più rispetto alla M240i).

BMW M2 (2023)
BMW M2 (2023)
BMW M2 (2023)

Al di là dei numeri, comunque, il design stacca in modo deciso rispetto agli altri modelli M, con linee tese che danno ulteriori “muscoli” alla BMW. Le novità più evidenti sono nel frontale, con la calandra doppio rene con linee nette e listelli orizzontali, affiancate da grandi prese d’aria per far respirare i dischi dell’impianto frenante M, parzialmente nascosti dai cerchi in lega da 19” all’anteriore e 20” al posteriore.

Nella coda, invece, spicca il diffusore nero lucido con quattro terminali di scarico - due per lato - e il sottile spoiler integrato nel portellone. Non vi basta? Bene, a disposizione c'è il pacchetto opzionale M Carbon che aggiunge, tra i vari accessori, il tetto in fibra di carbonio più leggero di 6 kg.

Densa di tecnologia

Gli interni della BMW M2, i protagonisti sono i nuovi sedili sportivi con rivestimento in pelle Sensatec e Alcantara disegnati appositamente per la BMW M2, mentre sono optional quelli con telaio in fibra di carbonio più leggeri di 10,8 kg.

La plancia è dominata dal doppio schermo del BMW Curved Display. In quello da 12,3” davanti al guidatore sono riportate le informazioni essenziali per la guida, mentre in quello centrale da 14,9” ci sono tutte le opzioni relative alle impostazioni del veicolo, all’intrattenimento e alla connettività.

BMW M2 (2023)

Attraverso il comando posto nel tunnel centrale si ha accesso alle varie modalità di guida Road, Sport e Track. Quest’ultima è la più estrema, coi sistemi di assistenza alla guida completamente disattivati e un assetto di motore, freni, sospensioni e sterzo portato all’estremo del suo potenziale.

Nell’infotainment è integrato anche l’M Drift Analyzer (che assegna un “punteggio” per le derapate in pista) e il M Laptimer (che fornisce una telemetria completa del giro veloce). Sempre a proposito di tecnologia per la pista, la M2 presenta un controllo di trazione regolabile in dieci livelli diversi.

BMW M2 (2023)

Infine, sul fronte dei sistemi di assistenza alla guida troviamo di serie il Front Collision Warning, il Lane Departure Warning e i sensori di parcheggio anteriori e posteriori. A pagamento si possono richiedere anche il cruise control attivo con funzione Stop&Go e i pacchetti Driving Assistant e Parking Assistant che comprendono, tra i vari extra, anche l’assistente per la retromarcia.

La più potente

Ok lo stile, ok la tecnologia ma veniamo alla parte davvero importante: la meccanica. Il cuore della BMW M2 2022 pompa 460 CV e 550 Nm di coppia. Si tratta di un incremento di 10 CV rispetto alla M2 CS. Un "cuore" che ha le forme del 6 cilindri in linea di 3 litri S58, lo stesso montato su M3 e M4 e depotenziato per ovvie ragioni di gerarchie all’interno della gamma M.

Si tratta comunque di un incremento di 90 CV rispetto alla generazione precedente, con un’accelerazione 0-100 km/h di 4,1 secondi e una velocità massima limitata a 250 km/h (aumentabile a 285 km/h col ricco pacchetto M Driver’s).

Il 6 cilindri “tira” fino a 7.200 giri e ha una meccanica rivista per non migliorare ulteriormente le prestazioni in pista. La nuova M2, infatti, utilizza un nuovo sistema di raffreddamento e una pompa dell’olio modificate per gestire le importanti forze longitudinali e laterali che si generano quando si guida su un tracciato. In più, l’impianto di scarico con valvole a controllo elettronico crea una “soundtrack” da vera M.

BMW M2 (2023)

La più piccola tra le sportive BMW si può abbinare al cambio automatico a 8 rapporti M Steptronic con paddle al volante o ad un classico manuale a 6 rapporti per un feeling “vecchia scuola”. A prescindere dalla trasmissione, la M2 è equipaggiata con differenziale posteriore Active M e con una taratura del telaio studiata e collaudata direttamente al Nurburgring.

BMW M2, i prezzi

La nuova M2 sarà prodotta nell’impianto di San Louis Potosi, in Messico, e sarà disponibile in cinque verniciature, tra cui la Zandvoort Blue e la Toronto Red pensate unicamente per la M2. Il lancio sul mercato è previsto per aprile 2023 con un prezzo base previsto di circa 73.000 euro.

Ancora più cattiva

A chi non dovesse bastare il look ben muscoloso della BMW M2 2022 sono dedicati gli accessori firmati M Performance Parts, che aggiungono una serie di novità estetiche alla coupé bavarese.

BMW M2 del 2023 con componenti M Performance
BMW M2 del 2023 con componenti M Performance
BMW M2 del 2023 con componenti M Performance

Ci sono per esempio i 4 scarichi centrali (quelli visti nelle foto spia di qualche tempo fa) e il grosso alettone posteriore, colori esclusivi per la carrozzeria, cerchi da 20" all'anteriore e da 21 al posteriore, varie decalcomanie e tanto altro. 

Fotogallery: Foto - BMW M2 (2023)

BMW M2 2022

Lunghezza 4,58 metri
Larghezza 1,88 metri
Altezza 1,4 metri
Peso 1.725 kg
Motore 3.0 6 cilindri in linea
Potenza 460 CV
Coppia Massima 550 Nm
Trazione Posteriore
Trasmissione Manuale 6 marce / Automatica 8 rapporti
Accelerazione 0-100 km/h 4,1"
Velocità Massima 250 km/h (285 con pacchetto speciale)