Avete appena ritirato la vostra auto e state già pensando alle prime modifiche? Non importa se si parla di interventi puramente estetici o anche meccanici: l’universo del tuning è aperto a tutti.

Le elaborazioni che abbiamo raccolto ne sono un chiaro esempio: dalla M3 Touring fino all’insospettabile Toyota Prius, non esiste davvero limite alla fantasia. Ecco, quindi, alcuni dei tuning più “cool” di questo mese.

BMW M3 Touring by Manhart

BMW M3 Touring by Manhart

A pochi mesi dal debutto, la BMW M3 Touring è già arrivata tra le mani di Manhart. Lo specialista tedesco ha ribattezzato la famigliare tedesca MH3 650 Touring e ha portato il 3.0 sei cilindri a 650 CV e 800 Nm. Oltre all’aumento di 140 CV e 100 Nm, Manhart ha installato un impianto di scarico ancora più aggressivo senza filtro antiparticolato e un kit estetico affilatissimo.

Tutta nera e oro, la BMW ha un nuovo diffusore, uno spoiler più pronunciato e cerchi in lega Concave One per prepararsi a conquistare la pista.

BMW M3 E30 al SEMA Show

Sempre rimanendo in tema di BMW, al SEMA Show di Las Vegas questa M3 E30 elaborata da Renner ha attirato gli sguardi (e le orecchie). Il motivo? Sotto la carrozzeria praticamente intatta rispetto all’auto degli anni ’80, c’è il 5.0 V10 da 625 CV di una M5 del 2008.

Quasi quattro volte più potente della M3 originale, il tuner ha stravolto la meccanica e il telaio della vettura inserendo anche nuove sospensioni, servosterzo, climatizzatore e una nuova barra stabilizzatrice. Oltre a ciò, nell’abitacolo si trova un nuovo quadro strumenti e un moderno impianto audio. Ma un restomod di questo tipo non è alla portata di tutti: Renner chiede 350.000 dollari per tutte le modifiche.

BMW M3 by G-Power

BMW M3 by G-Power

Parlando ancora di M3, G-Power ha sfornato nuovi potenziamenti per la berlina più selvaggia della gamma BMW. Il kit di potenziamento prevede una nuova mappatura per la centralina per portare il totale a 720 CV e 850 Nm e superare la M5 CS da 635 CV. Tuttavia, chi crede che la potenza sia troppo elevata, può “accontentarsi” di un’elaborazione intermedia da 670 CV e 620 CV.

Insieme all’intervento al motore, G-Power ha aggiunto cerchi in lega Hurricane RR su pneumatici 285/30 da 20” all’anteriore e 295/25 da 21” al posteriore e tante nuove appendici in fibra di carbonio. 

Porsche 911 GT2 RS by Manhart

Manhart TR 900 Porsche 911 GT2 RS

Prima che la Mercedes-AMG One le togliesse il primato, la Porsche 911 GT2 RS deteneva il record di auto più veloce del Nurburgring. Partendo da quel modello, Manhart ha voluto esagerare portandolo a 945 CV e 1.050 Nm, ossia 245 CV in più della Porsche di base.

Naturalmente, oltre al motore è stata rivista la trasmissione PDK a 7 rapporti, mentre la carrozzeria ha ricevuto numerosi updgrade, tra cui nuove prese d’aria e un diffusore più ampio. Soprannominata TR 900, la GT2 RS firmata da Manhart è in vendita per 550.000 euro.

Toyota Prius by Modellista

Toyota Prius by Modellista

Fresca di debutto al Salone di Los Angeles, la nuova Toyota Prius è stata già trasformata da Modellista. Anche se il tuner non ha toccato il powertrain ibrido plug-in da 220 CV, la filante berlina giapponese può contare su linee più sportive, grazie a cerchi in lega più aggressivi e paraurti e minigonne extra large per non passare mai inosservata.