Aston Martin mette in cantiere l’erede della DB11. È quello che si può intuire guardando le foto spia che ci arrivano dal Regno Unito, dove una strana (e inconfondibile) “Aston” è stata pizzicata durante una serie di test.

E’ la prima volta che possiamo dare uno sguardo alla futura supercar british (forse ribattezzata "DB12"), che dovrebbe confermare con ogni probabilità un potentissimo motore termico.

Indossa gli abiti della DB11

Le forme del prototipo sono quelle tipiche di un’Aston Martin, col cofano lunghissimo, un’altezza ridotta e una coda sinuosa. Ci sono, però, delle differenze evidenti rispetto alla DB11, a partire dalla calandra, che appare più quadrata, e dai fari che sembrano ispirarsi alla Valhalla.

Aston Martin DB12, le prime foto spia

Aston Martin DB12, le prime foto spia

È probabile che, almeno in questa prima fase, il muletto venga utilizzato per testare l’assetto e il motore, mentre le novità puramente estetiche potrebbe comparire solo in un momento più avanzati dei collaudi.

A proposito di motorizzazioni, l’ex ceo Tobias Moers aveva dichiarato nel 2022 che il V12 sarebbe rimasto nella gamma Aston Martin ancora per un po’ di tempo. Non sappiamo, però, se a muovere questa ipotetica DB12 ci sia effettivamente un 12 cilindri non elettrificato, un V8 o un powertrain ibrido plug-in.

Prima c’è un modello esclusivo

È certo, comunque, che la DB12 non è l’unico progetto in ballo dalle parti di Gaydon. Proprio negli scorsi giorni, in occasione dei 110 anni dalla nascita del marchio, il brand ha annunciato che nel 2023 verrà presentato un nuovo modello in edizione limitata che incarnerà lo spirito delle prossime Aston.

Aston Martin DB12, le prime foto spia

Aston Martin DB12, le prime foto spia

A questo punto, viene da pensare che questa misteriosa supercar potrebbe essere una sorta di anticipazione della futura DB12, almeno in termini di design e interni. La DB12 vera e propria, invece, dovrebbe vedere la luce solo nel 2024 o nel 2025.

Fotogallery: Foto - Aston Martin DB12, le prime foto spia

Fonte: Automedia