Le auto a guida autonoma sono uno dei grandi tepi del domani della mobilità: c'è chi ha gettato la spugna in attesa di tempi migliori e chi invece ancora ci crede e ci investe. Come Mercedes che, prima al mondo, ha ottenuto il permesso di vendere auto con guida autonoma di Livello 3, il primo step in cui il veicolo è in grado di guidarsi da solo, ma in alcune situazioni ben definite. a due anni.

Attualmente la Casa della Stella ha ricevuto il via libera in Germania e negli stati di California e Nevada. Proprio al di là dell'Atlantico inizierà un nuovo test: l'installazione speciali luci di segnalazione esterne per indicare quando i sistemi di guida autonoma sono attivi. Il colore scelto per l'illuminazione è il turchese. E non è una scelta dettata da ragioni estetiche. 

Ben visibili

Secondo Mercedes le nuove luci, integrate nei gruppi ottici anteriori e posteriori, è destinata a migliorare notevolmente l'accettazione da parte del pubblico delle tecnologie di guida automatizzata, in quanto danno un immediato feedback visivo di chi sta effettivamente guidando l'auto. Un vantaggio anche per le forze dell'ordine, in grado di identificare l'attivazione o meno dei vari sistemi, stabilendo quindi se i conducenti possono svolgere attività secondarie durante la marcia.

Mercedes EQS guida autonoma luci turchesi

Mercedes EQS a guida autonoma, le luci turchesi anteriori

Mercedes EQS guida autonoma luci turchesi

Mercedes EQS a guida autonoma, le luci turchesi posteriori

Un esempio: se pizzicati a usare lo smartphone in mezzo al traffico potremo dimostrare - senza ombra di dubbio - che era l'auto ad avere il controllo e noi (come previsto dal livello 3 della guida autonoma) eravamo autorizzati a distrarci.

Ma perché è stato scelto proprio il turchese?

Visibilità

La speciale illuminazione esterna per le Mercedes dotate di sistemi di guida autonoma di livello 3 circolanti in California e Nevada è stata scelta seguendo le direttive della pratica SAE J3134, che mira a regolamentare proprio il tipo di luci da utilizzare per segnalare l'attivazione dei sistemi. 

Il colore turchese infatti soddisfa due criteri essenziali: alto grado di visibilità e di differenziazione rispetto al resto delle luci di auto e segnali stradali (semafori e via dicendo). Di conseguenza la possibilità di confondere le varie tinte è ridotta al minimo, se non annullata. 

L'obiettivo di Mercedes e non solo è quello di dotare tutti i propri veicoli a guida autonoma (dal livello 3 in poi, per i livelli 1 e 2 si parla di guida assistita), ma di fare da apripista per una omologazione a livello mondiale.

Fotogallery: Le speciali luci delle Mercedes a guida autonoma