Lo sapevamo. Il destino era segnato e negli ultimi due anni - effettivamente - ci siamo preparati per il suo saluto. L'ultima Dodge Challenger della storia è stata appena costruita. La conferma è arrivata proprio da Stellantis che ha sottolineato l'evento: l'ultimo esemplare è uscito fuori dalla linea dello stabilimento di assemblaggio di Brampton, a 40 minuti da Toronto, in Canada.

L'ultima chiamata

Verniciata di nero - mai cosi opportuno - cupo, l'ultima Dodge Challengerprodotta è stata una SRT Demon 170, un mezzo in grado di raggiungere i 1.025 CV e capace di percorrere 400 metri - pardon, un quarto di miglio - in meno di 9 secondi. 8,91 per la precisione. 

Per celebrare Challenger e Charger (anche lei prossima alla pensione) negli scorsi mesi Dodge ha presentato delle serie speciali chiamate - appunto - Last Call. Si tratta di allestimenti particolari, ispirati al passato con livree e dettagli pensati apposta per questa serie. Sette diversi allestimenti, cinque dei quali importati anche nel Vecchio Continente.

Dodge Challenger Shakedown 2023

A unire le speciali Chargher e Challenger saranno la targa commemorativa “Last Call” posizionata sotto il cofano e le scritte “Designed in Auburn Hills” e “Assembled in Brampton”, a sottolineare il loro DNA puramente a stelle e strisce.

In attesa della dinastia elettrica

L'ultima dinastia di Challenger è in produzione dall'aprile del 2008. Ben 15 anni di vita per un modello presentata con l'idea di offrire un qualcosa che riuscisse a richiamare l'originale Challenger degli anni '70, aggiungendo elementi moderni. Compito non facile: la Challenger originale non è stata solo un'auto, ma una vera e propria icona, non solo automobilistica, figlia di una cultura pop che ha travalicato il mondo dell'auto pizzicando anche quello della cinematografia, tanto per fare un esempio.

 

E adesso? Dopo l'ultima chiamata ora è il turno del richiamo dell'elettrico, al quale anche muscle car con il pedigree non sanno (o possono) resistere. Piaccia o meno. La transizione verso l'elettrico porterà alla fine del V8 Hemi, in vista dell'introduzione della piattaforma LX per la prossima muscle car elettrica. La LX non è una novità assoluta - va detto - perché si tratta della configurazione full size a trazione posteriore di Chrysler, che risale al 2005.

E per quanto riguarda lo stabilimento di Brampton? Subirà dei lavori di adattamento e ristrutturazione per poter adattarsi - guarda il caso - al futuro elettrico. Secondo quanto riportato da Automotive News Canada, la fabbrica resterà "offline" per circa due anni.

Fotogallery: Dodge Challenger SRT Demon 170