Il SUV spagnolo è spazioso, poco assetato e il design piace, ma sugli interni si poteva osare di più

Da tempo vale anche per le automobili una regoletta comune in altri ambiti, ovvero che l'altezza vale da sola mezza bellezza. Non è un caso infatti che i modelli tradizionali abbiano smarrito gran parte del loro appeal a scapito di vetture come i SUV ed i crossover, rialzati da terra e con una linea della carrozzeria visibilmente più alta rispetto alle classiche berline. I numeri di vendita sono emblematici in tal senso e descrivono una realtà ben definita: oggi per vendere un'automobile deve essere alta. La Seat Ateca non a caso misura 14 cm in più rispetto alla Leon di cui riprende la meccanica) e tocca i 1,60 metri. In lunghezza però non supera i 4,36 metri, 2 cm in meno della Nissan Qashqai, quindi ha i numeri giusti per inserirsi in una fra le categorie più gettonate e di successo: concorrenti sono per esempio le MINI Countryman e Toyota C-HR. In questa prova del #perchécomprarla vi raccontiamo com'è e come va il primo SUV della casa spagnola.


Pregi e difetti


I 14 cm di altezza in più rispetto alla Leon incidono soprattutto a livello di spazio interno, visto che l'abitacolo della Ateca risulta molto più arioso e accogliente: il bagagliaio ha una capacità di 510 litri (+130 rispetto alla Leon) e all'interno possono sedere persone anche di altezza superiore alla media. L'unica sbavatura consiste nella mancanza di una presa per la corrente riservata ai passeggeri posteriori. Un altro vantaggio costituito dall'altezza maggiorata è invece la visibilità, buona sulla Ateca in tutte le direzioni, quanto basta per valutare correttamente gli ingombri esterni e parcheggiare senza ansie. Il SUV spagnolo ha un telaio molto preciso, ma l'impostazione di guida sportiveggiante si avverte saltuariamente sulle buche cittadine più profonde, ottimo l'appoggio sul veloce. La situazione potrebbe migliorare ordinando le Ateca 4Drive, a trazione integrale, che sostituiscono l'assale posteriore semirigido di quelle a trazione anteriore con una più sofisticata struttura di tipo McPherson.


Quale scegliere


La Seat Ateca della nostra prova è una 1.6 TDI a trazione anteriore, da 115 CV. Il peso contenuto (1.375 chili) e la buona efficacia del motore contribuiscono a far registrare percorrenze di buon livello, anche in città, dov'è possibile raggiungere i 15 km/l. Sulle strade extraurbane invece le medie si attestano anche a 22 km/l. Il SUV è in vendita da 20.850 euro con il motore a benzina 1.0 TSI (115 CV), ma ne servono almeno 23.250 per mettersi in garage la versione più economica con il 1.6 TDI. L'equipaggiamento di serie è molto ricco: l'allestimento di primo livello, chiamato Excellence, include le luci diurne a LED, il climatizzatore manuale ed i cerchi in lega da 16 pollici. La più ricca Style aggiunge il clima automatico e lo schermo da 5 pollici, mentre la Advance prevede lo schermo da 8 pollici ed i fari anteriori di tipo Full LED.

Fotogallery: Seat Ateca, il primo vero SUV spagnolo [VIDEO]