Il sistema di gestione elettronica della trazione introduce anche l'assistenza alla discesa

Fino a qualche anno fa la trazione integrale era l'unica cosa che poteva aiutare un automobilista a superare situazioni critiche di aderenza. Poi, con l'avvento dell'elettronica, le Case hanno messo a punto tecnologie “alternative”. Da dieci anni a questa parte, ad esempio, Peugeot punta sul Grip Control. Lanciato nel 2009, inizialmente come optional sulla prima generazione della 3008, si è fatto subito apprezzare per la capacità di migliorare la motricità delle vetture a trazione anteriore, soprattutto in fase di partenza o a basse velocità.

Il dispositivo non ha le stesse doti delle quattro ruote motrici, ma ad un costo contenuto, senza incremento di peso e con una incidenza sui consumi pari allo zero, permette di “salvarsi” nell’80% dei casi di aderenza critica che un automobilista si trova ad affrontare nella guida di tutti i giorni. Lo abbiamo testato a fondo in varie situazioni (neve compresa) per comprenderne a fondo le caratteristiche.

Dieci anni di evoluzione

Il sistema gestisce elettronicamente la trazione e i freni per ottimizzare il trasferimento a terra della coppia su fondi sdrucciolevoli. Una tecnologia nata 10 fa col lancio del Grip control, 10 anni in cui il sistema elettronico è passato prima alla versione Grip Control 2 – giunto sul mercato nel 2013 con la Peugeot 2008 – e successivamente all'Advanced Grip Control, presentato nel 2016 inizialmente sulla Peugeot 3008 e poi su alcune versioni della 5008, del nuovo Rifter e del Traveller.

Con l'Advanced Grip Control è stato introdotto, oltre al classico selettore delle 5 modalità di trazione, anche un pulsante per attivare l’Hadc (Hill Assist Descent Control). Quest'ultimo lavora a velocità fino a 30 km/h e con pendenze superiori al 5%; può essere attivato sia con la prima inserita, mantenendo la velocità impostata dal conducente, sia con l'auto in folle,  per le discese che richiedono ancora più controllo, che imposta automaticamente la velocità a 5 km/h.

Il Grip Control nello specifico

Una manopola circolare, posta sulla plancia centrale dell’auto, dà la possibilità al guidatore di poter scegliere la modalità in base alle condizioni del manto stradale. I 5 programmi disponibili sono: Standard, Neve, Sabbia, Fuoristrada/Fango e Esp Off. Intervengono nella gestione elettronica della trazione in modi differenti. Nella modalità Standard, il sistema lascia che la vettura si comporti come una normale trazione anteriore.

Nella modalità Sabbia, invece, il Grip Control favorisce lo slittamento controllato dei pneumatici ed evita il rischio di insabbiamento, mentre in “Fuoristrada/Fango” il sistema tende ad aumentare il pattinamento della ruota con minore aderenza per riuscire ad espellere il fango dai solchi tra i tasselli e, allo stesso tempo, indirizza più coppia possibile (anche il 100%) alla ruota con maggior aderenza. La modalità Esp Off, invece, disattiva tutti gli interventi dell’elettronica fino a 50 km/h per dare completa autonomia al conducente.

La modalità Neve, anch'essa attiva fino ai 50 km/h, ottimizza il pattinamento delle gomme per cercare la compattazione del manto nevoso negli incavi del battistrada per ritrovare aderenza e trazione. Proprio questa funzione abbiamo potuto testare a fondo sulla pista della Royal Driving Experience di Courmayeur, alle pendici del Monte Bianco.

Sulla neve si parte in due fasi

Inizialmente abbiamo testato il Grip Control con alcune prove di accelerazione con partenza da fermo su fondo innevato al volante di una 5008 con la modalità Neve inserita e di una 3008 con il selettore su Standard. Già guardando le vetture dall'esterno si è avuta la chiara impressione che il sistema lavori in modo efficace.

Testandolo si capisce a fondo la differenza tra la 3008, che tende a pattinare sul posto con i pneumatici che non riescono a trovare la trazione, e la 5008, che aumenta il pattinamento nei primi istanti, compatta il manto sotto le gomme, e poi taglia elettronicamente la potenza per  ritrovare aderenza e iniziare a muoversi in avanti.

Favorisce la trazione, ma anche la direzionabilità

Ci siamo poi spostati in circuito con la Peugeot 2008. Il Grip Control funziona in maniera evidente soprattutto in uscita di curva quando, agendo sulle singole pinze freno anteriori, restituisce alla macchina trazione senza compromettere la direzionalità. Infine abbiamo affrontato un breve percorso sulle strade strette e tortuose intorno a Courmayeur al volante di una Peugeot Rifter dotata di Advanced Grip Control.

Alla prima discesa impegnativa, su fondo scivoloso, il bottone dell’Hadc ha aiutato in maniera evidente nella gestione della velocità, lasciando al conducente il compito di controllare solo la direzione.

Fotogallery: Peugeot Grip Control