Tolta la poderosa Mercedes-AMG One che arriverà a fine 2022, non è possibile guidare una Mercedes-AMG più potente della GT 63 S E Performance da 843 CV protagonista della prova su strada e in pista fatta dai nostri colleghi di Motor1.com Francia.

Impossibile trovare sul mercato un'altra berlina di produzione e di fascia alta così potente e anche i 700 CV della Porsche Panamera Turbo S E-Hybrid sembrano impallidire al suo confronto.

Per capire come i tecnici di Affalterbach siano riusciti a concentrare tanta sportività in una cinque porte ibrida plug-in che pesa a vuoto 2.380 kg, i colleghi l'hanno messa alla prova lungo le tortuose strade spagnole attorno al Guadalquivir e sul circuito di Monteblanco, vicino a Huelva.

Look minaccioso e un'inedita presa di ricarica

Vista da fuori questa Mercedes-AMG GT 63 S E Performance mostra tutti i tipici caratteri estetici delle Mercedes più sportive, con l'aggiunta di piccoli dettagli nelle targhette identificative. Più evidente è l'inedito portellino che cela la presa di ricarica sul paraurti posteriore.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

Un elemento non particolarmente aggraziato che soddisfa però la necessità di ricaricare la batteria posizionata sotto il fondo del bagagliaio senza dover installare lunghi cavi elettrici a bordo.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

Gli interni propongono quel tipico ambiente sportivo con rivestimenti di ottima fattura e qualità in pelle e Alcantara delle Mercedes assemblate da AMG. Il sistema MBUX è completato poi dalla presenza dei comandi fisici dedicati al selettore della modalità di guida, del recupero di energia in frenata e della regolazione dell'assetto.

Numeri da supercar

Prima di passare alla prova vera e propria occorre ricordare alcuni degli impressionanti numeri che compongono la scheda tecnica della Mercedes-AMG GT 63 S E Performance che monta una batteria da 6,1 kWh che alimenta un motore elettrico da 95 CV continui e 204 CV di picco.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

Questo sistema ibrido plug-in non è pensato per l'autonomia elettrica (12 km dichiarati e verificati nella prova), ma per le prestazioni pure. La batteria non scende mai sotto il 24% di carica per poter disporre sempre degli 843 CV promessi ed è alloggiata al posteriore come il motore elettrico.

Sotto il cofano davanti c'è invece il V8 4.0 biturbo da 639 CV che unito all'elettrico raggiunge appunto gli 843 CV e 1.470 Nm di coppia massima, sufficienti per raggiungere i 316 km/h e scattare da 0 a 100 in 2,9 secondi.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova
Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

Le modalità di guida sono ben sette: Electric, Comfort, Sport, Sport+, Race, Slippery e  Individual, con quella elettrica che rimane attiva fino a 130 km/h. Nuove cono le sospensioni pneumatiche AMG Ride Control+ con correttore di livello automatico e smorzamento adattivo controllato elettronicamente regolabile in cinque modalità (Basic, Advanced, Pro e Master).

Impressionate su strada

Su strada la Mercedes-AMG GT 63 S E Performance impressiona fin dall'inizio, con velocità fenomenali per un simile "transatlantico" che pesa più di 2,4 tonnellate. Il V8, abbinato al motore elettrico, incolla i passeggeri ai sedili.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

Nonostante la massa pachidermica, la super berlina tedesca tiene la corda in curva senza deviare dalla traiettoria, lasciando spazio al divertimento quando si alleggerisce il retrotreno in rilascio.

I consumi con guida sportiva si attestano sui 24 l/100 km e in un percorso più lento scendono fino a 13 l/100 km, ancora un po' lontani dai 7,9 l/100 km omologati WLTP. Questa AMG riesce a dissimulare il suo peso, anche se nelle frenate più potenti l'inerzia si fa sentire e i freni carboceramici vengono messi a dura prova.

Potenza inesauribile in pista

La pista non fa altro che confermare quanto già sperimentato su strada: siamo di fronte a una berlina B8 ibrida plug-in con assetto e meccanica di livello magistrale, inesauribile nella sua potenza e velocità, ma anche lussuosa.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

La modalità "Race" permette di sperimentare in circuito una certa libertà dai controlli elettronici, con le gomme Michelin Pilot Sport 4S che aderiscono all'asfalto in modo aggressivo, ma non impedisce al retrotreno di scivolare via dolcemente.

È anche disponibile una modalità "Drift", ma con tutte queste belle sensazioni non se ne sente quasi il bisogno.

Il prezzo e la concorrente diretta

In Italia la Mercedes-AMG GT 63 S E Performance 4MATIC+ ha un prezzo base di 202.970 euro che include cambio sportivo a 9 marce SPEEDSHIFT MCT AMG, cerchi in lega da 20", differenziale autobloccante posteriore AMG a gestione elettronica, freni ceramici AMG e asse posteriore sterzante.

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

Il colore speciale della versione provata, l'AMG Rosso Rubelite, ha un prezzo aggiuntivo di 13.920 euro, ma se si sceglie il Verde Magno la spesa aumenta di 17.677 euro. I cerchi da 21" arrivano a costare 3.111 euro e altri 6.405 euro servono per la pelle Nappa Manufaktur.

Cifre importanti, ma in linea con il listino di quella che è al momento l'unica vera concorrente della Mercedes-AMG, la Porsche Panamera Turbo S E-Hybrid che ha 700 CV e costa 199.025 euro. Anche in questo caso l'aggiunta di alcune personalizzazioni come il colore speciale (3.647 euro), le ruote da 21" (1.457 euro) e l'impianto di scarico sportivo portano il totale velocemente oltre quota 200.000 euro.

Fotogallery: Mercedes-AMG GT 63 S E Performance, la prova

Mercedes-AMG GT 63 S E Performance

Lunghezza 5,05 m
Larghezza 1,87 m
Altezza 1,45 m
Peso 2.380 kg
Motore 4,0 V8 biturbo + elettrico
Potenza 843 CV
Coppia Massima 1,470 Nm
Velocità Massima 316 km/h
Accelerazione 0-100 km/h 2,9 secondi
Trazione Integrale
Autonomia in elettrico 12 km
Trasmissione Automatico 9 marce
In vendita Già ordinabile
Prezzo base 202.970 euro