Si chiama Dacia Duster ma poteva benissimo essere battezzata pure "l'auto più attesa del 2024". Effettivamente però Dacia Duster suona meglio.

Dopo averla vista da vicino, aver scoperto come è fatta dentro e quali sono i suoi prezzi e allestimenti, ora è arrivato finalmente il momento di metterla in moto e, volante tra le mani, provarla. L'ho fatto sulle strade attorno a Malaga, in un primo contatto di svariate decine di chilometri. Vi racconto com'è andata, sia in questo articolo che direttamente nel video.

Esterni | Interni | Guida | Curiosità | Prezzi

Dacia Duster 2024: Esterni

Non cambiano le dimensioni, cambia invece tutto il resto. La Dacia Duster del 2024 è basata sulla piattaforma CMF-B del Gruppo Renault, la stessa già utilizzata dalla Jogger, dalla Sandero ma anche dalla Clio. Questo ha importanti ripercussioni sulla tecnologia di bordo e sulla guidabilità, come vedremo tra poco, e anche sulla sfruttabilità degli spazi interni.

Eppure, nonostante l'ossatura sia completamente nuova, le proporzioni della Duster restano le medesime, con una lunghezza totale di 4 metri e 34.

Recensione Dacia Duster (2024)

Questo non significa però che il suo stile sia rimasto lo stesso. Tutt'altro. Le forme più "boxy", come va di moda dire ora, e cioè squadrate, sottolineano il carattere avventuroso di questo SUV di segmento C che, effettivamente, complice anche un'altezza di circa 22 centimetri sulla versione 4x4, è pronto a farsi maltrattare. Lo testimoniano anche le protezioni tutt'intorno alla carrozzeria, realizzate in un materiale che è stato inventato da Dacia e che si chiama Sparkle, derivato per il 20% da materiali riciclati e non verniciato superficialmente. A prova di graffi.

Recensione Dacia Duster (2024)

Qualche rimando all'attuale Duster lo si trova al frontale, caratterizzato dal logo Dacia che si estende fino ai gruppi ottici che inglobano una struttura a ypsilon, che poi si ritrova anche nella fanaleria. A proposito, i fari anteriori hanno gli anabbaglianti LED. Infine, i cerchi: vanno da 16 a 18 pollici, a seconda dell'allestimento.

Dacia Duster 2024: Interni

Ho citato la ypsilon, no? Ecco, date un'occhiata alle bocchette d'aerazione. Oppure alla struttura dei pannelli porta. È un motivo ricorrente che dà allo stile della Duster 2024 continuità e anche un senso di robustezza generale, così come del resto sono robuste le plastiche utilizzate per assemblare gli interni.

Recensione Dacia Duster (2024)

Sia la plancia che i pannelli porta, infatti, sono rigidi al tatto, eppure non trasmettono minimamente la sensazione di economico. All'altezza dei gomiti, però, si trovano delle piacevoli imbottiture, sia sulle portiere che sul braccio al centro, che cela un pozzetto piuttosto capiente. Non ci sono effettivamente problemi in quanto a spazi per svuotarsi le tasche: davanti alla leva del cambio c'è la ricarica wireless per il telefono e, subito sopra, un altro vano, mentre dietro alla stessa c'è il portabicchieri doppio.

Eccezion fatta per l'allestimento d'ingresso Essential (che di base viene scelto da pochissimi clienti), la Dacia Duster 2024 ha una strumentazione digitale da 7 pollici e uno schermo centrale dell'infotainment da 10,1". Il sistema di bordo è estremamente semplice nelle grafiche, sempre intuitive, eppure ricco di funzioni e varie opzioni. Ci sono anche Apple CarPlay e Android Auto senza cavo. La climatizzazione è completamente controllata da comandi fisici.

Recensione Dacia Duster (2024)
Recensione Dacia Duster (2024)

Spostandosi ai sedili posteriori, salta subito all'occhio quanto spazio ci sia per le ginocchia ma soprattutto per la testa. Bella la sensazione di ariosità grazie ai finestini ampi, e sul tunnel centrale ci sono due prese USB-C. Unica pecca, l'assenza di bocchette d'aerazione.

Recensione Dacia Duster (2024)
Recensione Dacia Duster (2024)

Spostandosi al bagagliaio, la capacità minima di carico è di 472 litri. C'è uno sfruttabile doppio fondo e poi tanti accessori come ganci, anelli, presa 12V e poi gli agganci universali YouClip, introdotti proprio con la Duster e utili per tutta una serie di accessori come luci a LED, ulteriori ganci, portabicchieri e tanto altro.

Dacia Duster 2024: Guida

Per la prima volta, la Dacia Duster diventa anche ibrida. Quella della mia prova è dotata di un'elettrificazione "leggera" (ciò che poi significa mild-hybrid) e vede l'accostamento di un 1.2 tre cilindri a ciclo Miller con distribuzione a catena e turbina a geometria variabile con un modulo ibrido a 48V che funziona da starter/generatore.

Recensione Dacia Duster (2024)

Sfruttando l'energia accumulata, in maniera completamente automatica attraverso il recupero cinetico, all'interno di una batteria da 0,8 kWh, il motore elettrico è in grado di supportare il benzina in tutte le situazioni di spunto e di partenza oppure nei momenti di massimo sforzo, alleggerendo il lavoro del tre cilindri.

Così i consumi migliorano, certo, ma anche la fluidità generale di utilizzo. La potenza del sistema è di 130 CV e i Nm sono 230. Così lo 0-100 km/h si fa in circa 9 secondi, mentre la velocità di punta è di 180 km/h.

Recensione Dacia Duster (2024)

C'è anche una modalità di guida Eco per smorzare l'erogazione, che altrimenti è sempre piuttosto reattiva e brillante quando serve, grazie anche alla fluidità del cambio manuale a sei marce che, solo in alcuni momenti, si è mostrato leggermente gommoso negli innesti. Del resto parliamo di un'auto che non aveva ancora "compiuto" 700 km di percorrenze totali.

Lo sterzo è leggero e non eccessivamente diretto, perfetto dunque per la tipologia di auto. Molto buono il lavoro di assorbimento delle sospensioni: l'assetto coi cerchi da 18 pollici consente di "galleggiare" facilmente su dossi e avvallamenti e allo stesso tempo di digerire anche le singole irregolarità più profonde.

Recensione Dacia Duster (2024)

La piattaforma CMF-B, oltre all'elettrificazione, ha consentito anche l'adozione di diversi dispositivi di ausilio alla guida. Ci sono, tra gli altri, la frenata automatica d'emergenza, il riconoscimento dei cartelli stradali con avviso di superamento dei limiti, l'avviso di superamento della linea di carreggiata, il sistema di monitoraggio dell'attenzione del conducente e il mantenitore attivo di corsia. Quest'ultimo interviene dunque direttamente sullo sterzo per rimettere al centro della corsia, ma la sua taratura può ancora migliorare visto che non sempre riesce a intervenire per tempo. Comodo, infine, il tasto per disattivare questi dispositivi: gli avvisi acustici, alla lunga, possono infastidire.

In questo test drive sulle strade attorno a Malaga, principalmente su autostrada con velocità tra i 100 e 120 orari e poi un extraurbano tranquillo, il consumo medio è stato di circa 6 litri/100 km, pari a oltre 16 km e mezzo a litro.

Recensione Dacia Duster (2024)

Dacia Duster 2024: Curiosità

Il motore mild hybrid è abbinabile anche alla trazione integrale. Effettivamente un po' la Duster, che del resto tiene fede al suo nome, ti invoglia a maltrattarla un po'. E lei sa difendersi eccome. L'ho provata anche in un fuoristrada abbastanza impegnativo e se l'è cavata egregiamente, grazie ad angoli specifici di 31° (attacco), 24° (dosso) e 36° (uscita), oltre alla già citata altezza da terra vicina a 22 cm.

Dacia Duster
Dacia Duster

Oltre alla meccanica, poi, c'è l'elettronica, con il controllo della velocità in discesa e le modalità di guida per fondi a bassa aderenza come neve, fango, sabbia e off-road, per il massimo dell'aderenza. Guardare il video per credere.

Dacia Duster 2024: Prezzi

Il capitolo listini è sicuramente molto interessante quando si parla di una Dacia. La nuova Duster ha un prezzo d'attacco di 19.700 euro per la versione Eco-G a GPL in allestimento Essential, che salgono a 21.400 per la Expression e a 22.900 euro per la Journey e la Extreme.

Recensione Dacia Duster (2024)

La 1.2 mild-hybrid da 130 CV di questa prova parte da 22.900 euro già in allestimento Expression e sale a 24.400 euro per la Journey e la Extreme. Col 4x4 la Expression costa 25.400 euro e la Extreme 26.900 euro. Poi c'è la 1.6 Hybrid, cioè la versione full hybrid, da 140 CV: ha un prezzo di 26.400 euro in allestimento Expression e sale a 27.900 euro per le Journey ed Extreme.

Dacia Duster 2024 Prezzi

1.0 GPL Essential

19.700 euro

1.0 GPL Expression

21.400 euro

1.0 GPL Journey

22.900 euro

1.0 GPL Extreme

22.900 euro

1.2 130 CV Expression

22.900 euro

1.2 130 CV Journey

24.400 euro

1.2 130 CV Extreme

24.400 euro

1.2 130 CV Expression 4x4

25.400 euro

1.2 130 CV Extreme 4x4

26.900 euro

1.6 140 CV Expression

26.400 euro

1.6 140 CV Journey

27.900 euro

1.6 140 CV Extreme

27.900 euro

Fotogallery: Dacia Duster (2024), la prova del mild-hybrid e del full hybrid

Dacia Duster

Lunghezza 4,34 m
Larghezza 1,81 m
Altezza 1,61 m
Volume di Carico 472 l
Motore 1.2 tre cilindri
Batteria 0,8 kWh
Trasmissione Manuale 6 marce
Potenza 130 CV
Coppia Massima 230 Nm
Accelerazione 0-100 km/h 9,9"
Velocità Massima 180 km/h