Skoda Octavia, motore 1.0 senza complessi

Per Skoda, la Octavia vale quanto la Golf per VW o la Panda per Fiat: è semplicemente fondamentale per le sorti del marchio. 5 milioni di unità vendute in 20 anni, di cui un milione nei primi tre anni (scarsi) della terza generazione, ovvero questa che sono venuto a provare in configurazione model year 2017. Tra le varie, piccole novità, ce n'è una di rilievo: il motore 1.0 3 cilindri turbo a benzina da 115 CV che sostituisce il vecchio 1.2 TSI 4 cilindri.


Com'è


Esternamente, è impossibile riconoscerla dagli esemplari "pre MY 2017". Il design non è un'area sulla quale si è ritenuto necessario intervenire (per la gioia di chi ha appena comprato un'Octavia), anche perché l'apprezzamento dei clienti è ancora alto in tutta Europa. A proposito: uno dei mercati più difficili per il marchio ceco è proprio il nostro, dove la quota è attorno all'1%; si pensi per esempio che in Germania - dove i clienti badano più ai contenuti offerti che all'immagine del brand - Skoda è il primo marchio straniero. Ma torniamo all'Octavia. Detto del nuovo 1.0 TSI, dal punto di vista tecnico c'è anche un'altra importante novità: sui motori con più di 150 CV sono ora disponibili gli ammortizzatori a controllo elettronico DCC (Dynamic Chassis Control). Ancora, il sistema di infotainment beneficia della nuova piattaforma modulare MIB II, con funzione WLAN e - a richiesta - Phone Box, ...