Dal sito web del Comune fino all’ufficio postale fisico vicino a casa. Ecco chi mette a disposizione il servizio e a quali condizioni

Il classico biglietto sistemato tra tergicristallo e parabrezza, la busta verde degli atti giudiziari consegnata dal postino o una notifica compilata direttamente sul luogo dell’infrazione, dopo essere stati fermati dalle forze dell’ordine. Almeno una volta nella vita è capitato a tutti di vivere una situazione del genere.

Prendere una multa non fa piacere a nessuno ma come sappiamo è importante, a meno che non si voglia effettuare ricorso, pagare l’importo all'interno dei 60 giorni dalla notifica in modo da non incorrere in un incremento della sanzione pecuniaria.

Ecco tutte le modalità con cui è possibile effettuare il versamento. Ricordiamo comunque che nella maggior parte dei casi sul verbale stesso sono presenti le indicazioni e le modalità accettate da ogni comune.

Il pagamento online

Uno dei metodi più comodi e rapidi per pagare una multa è quello di ai vari portali web disponibili, effettuando un bonifico bancario o accedendo ai servizi messi a disposizione sul sito del Comune che ha notificato la sanzione oppure sul sito delle Poste Italiane.

Bonifico Bancario

Tramite l’home banking alcuni istituti di credito danno la possibilità di effettuare il versamento della sanzione pecuniaria.

Piattaforme digitali

Il pagamento della multa può essere effettuato anche attraverso alcuni strumenti digitali come Satispay e l'app IO, applicazioni gratuite scaricabili da Play Store e App Store.  

Sito del Comune

Il sito web del Comune può essere utilizzato quando la sanzione è stata notificata dalla polizia municipale. Se è attivo il servizio per il pagamento delle multe, l’utente, dopo essersi registrato all’area riservata, deve compilare i campi obbligatori che di solito coincidono con: targa del veicolo, la data e l’ora dell’infrazione, il numero del verbale e i dati della carta con cui si effettua il pagamento.

Poste Italiane

Nella sezione Paga online del sito Poste Italiane è presente il servizio che permette di pagare le multe elevate dai Carabinieri e dalla Polizia Stradale.

Una volta effettuato l’accesso al proprio profilo e aver selezionato le Forze dell’Ordine che ci hanno sanzionato, l’utente deve inserire la targa del veicolo, il numero e la data del verbale, l’importo e il codice a 18 cifre riportato in basso a sinistra nel bollettino. A pagamento avvenuto, il sistema invia una ricevuta di conferma.

Il pagamento presso centri fisici

Per chi non è molto pratico ad utilizzare internet e i servizi messi a disposizione citati sopra, è possibile effettuare il pagamento delle multe di persona in diverse strutture fisiche come tabaccherie, ricevitorie Sisal, uffici postali, o presso gli uffici della Polizia Municipale. Ma andiamo con ordine.

Tabaccherie o ricevitorie Sisal

Le tabaccherie e le ricevitorie Sisal convenzionate permettono agli automobilisti di pagare le multe ricevute. Il modo più semplice è quello di mostrare al gestore il bollettino di pagamento che è stato inviato insieme al verbale che contiene un codice a barre che può essere scansionato e che contiene tutte le informazioni necessarie.

Se non fosse possibile allora bisogna indicare la targa del veicolo, l’importo della multa, la data in cui è stato notificato il verbale, il numero identificativo della multa e il codice Istat del Comune.

In questo caso, oltre al costo della multa, bisogna considerare anche una commissione che si aggira intorno ai due euro. Al termine del pagamento viene rilasciata una ricevuta che va conservata per almeno 5 anni.

Uffici postali

Il pagamento presso gli Uffici Postali viene effettuato tramite il bollettino C.C.P che viene allegato al verbale e che nella maggior parte dei casi risulta già precompilato. Nel caso non lo fosse, bisogna indicare la targa del veicolo, il numero del verbale e la data in cui è stata commessa l’infrazione.

Uffici della Polizia Municipale

A differenza delle altre modalità finora descritte che permettono il pagamento anche con carte di credito, bancomat e altri servizi grazie ai POS, gli Uffici della Polizia Municipale dei piccoli Comuni, nella maggior parte dei casi, consentono solo il versamento in contanti dell’importo.