Il nostro rendering ricostruisce le forme della compatta tedesca, che con la trazione anteriore cambiano parecchio rispetto al passato

La regola del sette (anni) colpisce tutti, anche la BMW Serie 1: la seconda generazione è stata presentata nel 2011 e a breve sarà tempo di terza generazione; il lancio dovrebbe avvenire a fine 2018 - ma la data è ancora da definire - e la commercializzazione nel 2019 (ecco tutte le altre novità in arrivo). Un’auto molto attesa, come dimostra l’interesse suscitato dalle anteprime rilasciate finora e che rappresenta una piccola rivoluzione, dal momento che abbandona la trazione posteriore per passare all’anteriore.

Trapianto di reni dalla X2

Il doppio rene, elemento distintivo del frontale di ogni BMW, sposa la “linea X2” (e ripresa tra le altre anche dalla Serie 8). In pratica, rispetto per esempio alla Serie 5, la parte laterale esterna, quella rivolta verso i fari, innanzitutto non li tocca (a differenza, per esempio, di quanto accade sulla Serie 5), e poi scende “al contrario”: prima si allarga vistosamente e poi si restringe nella parte bassa. Altro elemento preso dalle ultime BMW è la firma luminosa esagonale. 

Leggi anche

Cambia la meccanica, cambiano le proporzioni

Non “solo” la trazione diventa anteriore, ma il motore non è più montato longitudinalmente, bensì di traverso: ecco perché la distanza fra il centro ruota e la portiera anteriore si riduce, modificando non poco le proporzioni della carrozzeria, ora per certi versi più “convenzionali”. In BMW giurano che si faranno perdonare prima di tutto con una messa a punto orientata come sempre al piacere di guida e poi con uno spazio interno decisamente in crescita.

Nuova BMW Serie 1, il rendering

Addio sei cilindri

Un altro addio doloroso, gli appassionati BMW lo dovranno dare all’intramontabile architettura a sei cilindri in linea: il motore, troppo lungo, non ci sta di traverso nel cofano della piattaforma UKL (la stessa di X1 e MINI Countryman, per citarne due). Al suo posto, unità a 3 e 4 cilindri, che però avranno potenze anche oltre i 300 CV. Per tutti gli altri dettagli, non resta che aspettare, anche per sapere se davvero la carrozzeria a 3 porte verrà abbandonata e se la coupé (Serie 2) avrà un’erede.

Fotogallery: Nuova BMW Serie 1, il rendering