Dopo l'ibrida Polestar 1 verrà presentata fra poche settimane l’elettrica 2, la prima con il sistema operativo by Google

Buona autonomia, Google Assistant integrato e disponibile anche in abbonamento. Non è la descrizione di un nuovo smartphone, ma quello che Polestar ha anticipato finora sulla Polestar 2, il modello in vendita a fine 2019/inizio 2020 che sancirà l'esordio della casa svedese fra i produttori di auto a zero emissioni, dopo l'ibrida Polestar 1 in arrivo entro fine anno. Insieme a queste informazioni è stata rilasciata anche un'immagine teaser, che in verità non fa capire molto dell'auto.

Berlina, coupé o crossover?

La casa svedese, marchio di lusso della Volvo, ha rivelato che la Polestar 2 avrà il lunotto inclinato e il portellone tagliato, ma dall'immagine non è chiaro se il nuovo modello sarà una berlina, una coupé oppure un crossover.

Certo è invece che il motore elettrico avrà circa 400 CV e regalerà alla Polestar 2 un'autonomia di circa 500 chilometri. Le prestazioni di conseguenza saranno brillanti, in linea con lo spirito della Polestar, che prima di diventare un marchio a sé stante era il nome di un allestimento sportivo per le Volvo.

La compri in abbonamento

Oltre al motore elettrico sarà il sistema multimediale l'altra grande novità della Polestar 2, che diventerà quindi la prima auto a ricevere Google Android HMI, il sistema multimediale sviluppato dal colosso di Mountain View e quindi ancor più integrato con gli smartphone (oggi ciascuna casa automobilistica ha il suo sistema multimediale).

La Polestar 2 avrà prezzi in linea con la Tesla Model 3, quindi a partire da circa 35.000 dollari negli Stati Uniti, e si potrà acquistare in abbonamento come anche le Volvo, pagando una rata tutti i mesi che include assicurazione e riparazioni.

Fotogallery: Polestar al Salone di Ginevra 2018