L’ Ad Ducati guiderà l’associazione che riunisce tutti i brand della “Terra dei Motori”. Primo appuntamento il Motor Valley Fest 2020

Un luogo irripetibile dove la passione per design, tecnologia e prestazione, unita a storia e cultura, crea automobili e motociclette da sogno.

Così si ”auto definisce” la Motor Valley anche se basterebbe citare i nomi delle aziende che la animano per comprendere l’eccezionalità del territorio: Dallara, Ducati, Ferrari, Lamborghini, Maserati, Ferrari. Eccellenze italiane, molto diverse e concorrenti tra loro, ma capaci di fare sistema grazie all’associazione che le rappresenta e che da oggi ha un nuovo presidente, Claudio Domenicali, il numero 1 di Ducati.

Quando la promozione diventa un “dovere”

La nomina è stata ufficializzata in queste ore nel corso di una conferenza stampa presso l’auditorium Ducati di Borgo Panigale, dove l’Amministratore Delegato di Ducati, è stato investito anche del ruolo di Presidente dell’Associazione Motor Valley Development alla presenza dei delegati di tutte le aziende e dei circuiti internazionali presenti sul territorio.

Fotogallery: Motor Valley, le eccellenze

Quello di Domenicali è un nome di peso per un ruolo che va oltre la rappresentanza politica e aprirà una fase nuova per l’associazione che ha lo scopo di promuovere a livello internazionale la terra dei motori.

"Qui ci sono 6 aziende - dichiara Domenicali - in un raggio di 150 km, che per contenuti di design, tecnologia e prestazioni non ha eguali nel mondo. E’ un fatto, non è un claim di marketing. Abbiamo il dovere, la responsabilità di promuovere questo territorio che è un’attrattiva per il mondo intero."

I numeri dell’eccellenza

Vale la pena ricordare che la forza del sistema Motor Valley va ben al di là del blasone dei singoli brand e spinge non poco l’economia della Regione Emilia-Romagna: 8 miliardi di euro di fatturato nel 2018 considerando le sei aziende principali (la Regione ne genera 157 miliardi in tutto), senza contare l’indotto che si articola in 16.500 imprese per oltre 66 mila addetti.

Motor Valley, le eccellenze

Un distretto industriale di eccellenze deve però esser alimentato dalla formazione dei giovani per creare i professionisti dell’automobile del futuro e qui le università hanno fatto a loro volta sistema con il progetto MUNER (Motorvehicle University of Emilia-Romagna No Profit per Education) presieduto da Andrea Pontremoli, CEO di Dallara, che nel 2017 ha visto le quattro università del territorio (Bologna, Parma, Ferrara e Modena-Reggio Emilia) e otto aziende top del settore creare l'Università dell'Automotive.

Motor Valley, le eccellenze

Turismo industriale

Il bello è che tutto questo ha anche delle ricadute turistiche: l’osservatorio della regione mostra come l’impatto del prodotto Motor Valley abbia portato nel 2018 oltre 1,2 milioni di presenze che valgono 300 milioni di euro. I visitatori totali in questo distretto sono circa 1,8 milioni, di cui il 44% italiani e il 56% stranieri.

"Qui c’è un capitale umano che fa la differenza - ha dichiarato Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna - Abbiamo fatto diventare quest’area un brand di attrattività turistica grazie alla manifattura. Ricordo quando ci sconsigliarono di andare all’Expo di Milano. Noi invece abbiamo investito più di ogni altra regione: è bastato esporre sullo stand le nostre creazioni, i bolidi dell’Emilia Romagna e la gente faceva la fila."

Aspettando il Motor Valley Fest 2020

L’associazione della Motor Valley lavorerà per continuare a promuovere tutto questo in Italia e nel mondo e una tappa fondamentale sarà la seconda edizione del Motor Valley Fest che si terra rigorosamente a Modena dal 14 al 17 maggio 2020.

Motor1Days 2019

Anche quest’anno il nostro Gruppo editoriale come Motor1.com e Motorsport.com sarà partner ufficiale della manifestazione e organizzeremo i Motor1Days di cui vi daremo maggiori dettagli molto presto... Se però siete impazienti di assaporare un po’ di Motor Valley, vi consigliamo di fare play sulla webserie che abbiamo dedicato proprio al “Made in Motor Valley”.

Fotogallery: Made in Motor Valley