Nonostante la superficie a bassa aderenza, il risultato raggiunto è comunque sorprendente in relazione ai dati dichiarati

È passato circa un mese da quando Chevrolet ha iniziato a consegnare ai concessionari americani la nuova Corvette C8. In quel periodo è stata oggetto di numerose sfide - fra cui gare con la Toyota Supra e la Mustang Shelby GT500, oltre a una corsa alla massima velocità dopo aver montato un kit biturbo by Hennessey - e ora, grazie a TheStradman su YouTube, possiamo vedere la C8 raggiungere la velocità massima nello Utah.

Non viene detto quale sia il luogo esatto, ma si tratta di una corsa su un lago prosciugato. Un terreno piuttosto difficile, visto che si corre su sabbia indurita e polverosa.

Terreno non proprio congeniale

Considerata la superficie, è chiaro che la velocità massima non può essere esattamente quella dichiarata dalla Casa. Secondo Chevrolet, una Corvette C8 con pacchetto Z51 ha una velocità massima di 296 km/h, a causa dei componenti aerodinamici aggiunti.

Senza quel kit la C8 può arrivare a 312 km/h, ma sulla sconnessa superficie di un lago fa sempre comodo un po' di deportanza in più. Nei due passaggi fatti nel video si vede come i problemi inizino ad arrivare quando si superano i 200 km/h.

Fotogallery: Chevrolet Corvette, a massima velocità su un lago prosciugato

Alla fine dei due passaggi, la Corvette raggiunge una velocità di punta pari a 278 km/h: ben al di sotto dei chilometri orari dichiarati, ma un gran risultato considerando su che terreno li ha raggiunti. TheStradman non è stato l'unico a guidare la Corvette così, ci ha provato anche la sua passeggera, conosciuta solo come Tessa, che ha raggiunto i 275 km/h.

Niente caschi

È un peccato che nessuno stesse indossando il casco né durante le corse, né per le riprese fatte fuori dal finestrino. Quantomeno le scene sono state girate lontano da tutti e bisogna ammettere che le riprese "flyby" vicino all'auto fanno davvero un bell'effetto. Probabilmente molti non avranno una Chevrolet Corvette C8 e non avranno nemmeno accesso al letto di un lago asciutto, ma l'avvertenza è sempre lecita: non provateci a casa.