Ad appena un anno dalla presentazione della prima generazione, il sistema di infotainment Uvo Connect di Kia si aggiorna. Più che di una vera e propria nuova generazione, si tratta più di un profondo aggiornamento, che implementa le funzioni del sistema, rendendolo ancora più efficiente e connesso. Offerto di serie per sette anni dal momento dell’acquisto della vettura, il nuovo software è retrocompatibile.

Questo significa che anche chi possiede una vettura dotata di Uvo Connect Phase I può richiedere l’aggiornamento, che verrà effettuato in maniera gratuita presso la rete vendita ufficiale Kia.

Al momento gli aggiornamenti over the air non sono ancora disponibili, ma i tecnici coreani sono attualmente al lavoro su questo fronte, per poter inviare l’aggiornamento via etere, eliminando così la necessità di recarsi in concessionaria.

Un tutt’uno con il cellulare

Ma scendiamo nel dettaglio di questa nuova versione dell’Uvo Connect. Di base, il funzionamento del sistema rimane lo stesso. Una sim dedicata permette all’auto di essere costantemente connessa alla rete, eliminando così la necessità di utilizzare il proprio cellulare come sorgente di rete.

Fotogallery: Nuovo Kia Uvo Connect

Questo, però, può essere utilizzato per estendere le funzioni di Uvo, scaricando l’apposita applicazione, disponibile sia per Apple, sia per Android. Attraverso il cellulare, infatti, è possibile accedere ad alcune specifiche funzioni di controllo della vettura anche da remoto.

Ti guida anche a piedi

Tra queste, spicca il Last Mile Navigation. Parcheggiando ad una distanza compresa fra 200 metri e 2 chilometri dalla propria destinazione, precedentemente impostata sul navigatore, è possibile proseguire la navigazione a piedi sfruttando il cellulare.

L’itinerario restante, infatti, verrà inviato sul proprio smartphone, dal quale sarà possibile aprirlo con Google Maps o, in alternativa, con la app di Kia che aprirà la mappa in realtà aumentata.

Info traffic più preciso

Tutta nuova anche la gestione delle informazioni legate al traffico. Rispetto a quanto avveniva in precedenza, ora il sistema non si limita a riportare le info in tempo reale, ma incrocia queste con uno storico di dati sul traffico sulla tratta che si sta percorrendo, per poter offrire una stima più precisa sull’orario di arrivo a destinazione e una migliore previsione di quelli che potrebbero essere gli eventuali peggioramenti delle condizioni di traffico.

Tutto sotto controllo

Oltre a queste, si aggiungono altre interessanti funzioni al sistema tra le quali spicca l’apertura e la chiusura del bagagliaio da remoto (solo per i modelli dotati di portellone ad attuazione elettrica), che si somma a quella delle portiere, e l’indicatore dello stato di carica della batteria da 12 Volt.

Ancora, il Valet Parking Mode, che blocca la visualizzazione delle informazioni private del sistema di infotainment e consente di controllare come è stata guidata la vettura nel caso la si lasci nelle mani, ad esempio, di un parcheggiatore. Particolare poi la possibilità di creare diversi profili utente, per poter impostare automaticamente le proprie preferenze di guida ogni volta che si sale a bordo.