John Elkann conferma il lancio della Purosangue nel 2022 e della "tutto elettrica" nel 2025. Dopo i conti tonfo in Borsa: -8%

Sold out. Tutto esaurito. La Ferrari 812 Versione Speciale è già virtualmente nel garage di chi può permettersela. L'indicazione, a poche ore dal lancio di domani (evento in cui verrà anche rivelato il nome ufficiale), arriva dal presidente e amministratore delegato ad interim del Cavallino, John Elkann.

Nel corso della conference call dopo la presentazione dei risultati del primo trimestre (margine operativo lordo a cambi costanti +24% a 376 milioni di euro e utile operativo +21% a 266 milioni), Elkann ha confermato che nel 2022 verrà lanciata la Purosangue, mentre nel 2025 arà la volta della prima Ferrari completamente elettrica che "trasmetterà alle nuove generazioni" i valori e le emozioni classiche del brand. 

Ferrari 812 Superfast Versione Speciale
Ferrari 812 Superfast Versione Speciale

"Stiamo continuando a realizzare la nostra strategia di elettrificazione in modo molto disciplinato. Un'enorme opportunità per creare un'esperienza unica per i nostri clienti. Siamo molto entusiasti della nostra prima Ferrari completamente elettrica che sveleremo nel 2025", ha ribadito Elkann, sottolineando che "le tecnologie sono, come sempre, guidate dal know-how che stiamo applicando negli sport motoristici dove ci siamo sviluppati, soprattutto in Formula 1». 

Procede la ricerca del nuovo Ceo

Il presidente della Casa di Maranello ha poi ricordato che si stanno facendo "buoni progressi su una short list di candidati molto forti per la scelta del nuovo amministratore delegato. Il nostro futuro Ceo avrà tutte le qualità giuste, compresa una profonda conoscenza delle tecnologie necessarie per tracciare un futuro di successo per la Ferrari", ha aggiunto Elkann.

Ferrari 812 Superfast Versione Speciale

Debacle a Piazza Affari

Elkann ha poi messo in guardia dal considerare già esauriti gli effetti della pandemia, al punto che Ferrari assumerà un atteggiamento "prudente" sulle spese e, come già anticipato nel comunicato con i dati sui conti, ha deciso di posporre di un anno i target finanziari. Cosa che però non è piaciuta alla Borsa: al termine delle contrattazioni il titolo del Cavallino è stato il peggiore di Piazza Affari e ha lasciato sul terreno l'8,02%.

Fotogallery: Ferrari 812 Competizione