È quasi tutto pronto per il secondo modello stradale della KTM. L’azienda austriaca, conosciuta anche e soprattutto per le moto da enduro, sta portando avanti i test sulla X-Bow GT2, la versione derivata dall’auto che partecipa alla GT2 European Series destinata a essere l’erede della X-Bow e la rivale naturale della Dallara Stradale.

Aerodinamica e leggerissima

KTM ha svelato le prime foto ufficiali dei collaudi su pista. Nonostante le mimetizzazioni lungo tutta la carrozzeria, l’auto appare ormai pronta alla presentazione ufficiale. Di sicuro, è impossibile non notarla grazie a forme aerodinamiche e all’enorme alettone.

KTM X-Bow GT2, i test in pista

Il frontale è contraddistinto dall’ampia calandra e dalle sottili luci a LED, mentre nel posteriore si nota il gigantesco diffusore derivato in gran parte della “sorella” da circuito.

Di base, la GTS utilizza una monoscocca in fibra di carbonio pesante solo 80 kg disegnata dalla Dallara ed equipaggiata anche dalla precedente X-Bow. Come s’intuisce, quindi, il focus degli ingegneri si è concentrato sulla leggerezza, con la KTM che dovrebbe pesare in totale appena 1.048 kg.

Prestazioni da urlo

Naturalmente, la X-Bow GT2 punterà anche sulla sicurezza dato che rispetterà i rigidi standard FIA. E non mancheranno le prestazioni, grazie al 2.5 turbo 5 cilindri derivato dall’Audi RS 3. KTM non l’ha ancora confermato ufficialmente, ma si pensa che i progettisti abbiano scelto di utilizzare le stesse specifiche del modello da corsa capace di erogare oltre 600 CV e 720 Nm di coppia.

KTM X-Bow GT2, i test in pista

Una volta su strada (o su pista), la KTM dovrebbe garantire performances simili alla Stradale EXP con motore 2.3 EcoBoost di origine Ford spremuto fino a 500 CV. Quest’ultima pesa 890 kg e ha un assetto talmente estremo che in curva può superare i 2,7 G di forza laterale.

Fotogallery: Foto - KTM X-Bow GT2, i test in pista