Per conoscere le forme e le prestazioni della nuova Alfa Romeo Stelvio dobbiamo attendere il 2026, anno in cui è prevista la presentazione del D-SUV italiano di seconda generazione e per la prima volta solo elettrica.

Già oggi, però, possiamo anticiparvi le probabili forme del nuovo SUV del Biscione, proponendovi il nostro render esclusivo della nuova Stelvio basato sulle informazioni più recenti e su quanto già annunciato ufficialmente dalla Casa del Biscione.

Non cede alla moda dei SUV coupé

Il primo dato da ribadire è che la nuova Alfa Romeo Stelvio non tradirà la sua attuale impostazione da SUV medio con carattere e stile sportivo, una lunghezza attorno ai 4,70 metri e una carrozzeria tutto sommato "classica" senza cedimenti alla moda dei SUV coupé.

Alfa Romeo Stelvio (2026), il render di Motor1.com

Alfa Romeo Stelvio (2026), il render esclusivo di Motor1.com

A cambiare in maniera sensibile sarà tutto il frontale che andrà a reinterpretare i canoni estetici della Alfa Romeo come li conosciamo ora, sfoggiando uno scudetto a diamante liscio e pieno e lo storico logo del Biscione spostato sul cofano motore, un po' come la nuova 33 Stradale.

Foto - Alfa Romeo 33 Stradale (2023)

Alfa Romeo 33 Stradale, il frontale

Alfa Romeo Stelvio (2026), il render di Motor1.com

Nuova Alfa Romeo Stelvio, il dettaglio del frontale

Dalla supercar la nuova Stelvio dovrebbe anche ereditare il cofano motore con una marcata nervatura a "Y" che parte proprio dal logo circolare. Le tre tipiche aperture del "trilobo" Alfa Romeo potrebbero essere riviste e rievocate da scudetto e luci diurne a LED poste nella parte superiore del frontale e inclinate verso il centro.

Alfa Romeo Stelvio (2026), il render di Motor1.com

Alfa Romeo Stelvio (2026), il dettaglio del frontale nel render di Motor1.com

I gruppi ottici principali dovrebbero invece essere ospitati in alloggiamenti quasi verticali posti alle estremità del "muso" e divisi in tre lenti sovrapposte. Una finta presa d'aria inferiore e un generoso splitter chiudono la parte bassa del frontale.

Fianchi lisci e maniglie a scomparsa

L'andamento della fiancata sarà invece non troppo diverso da quello dell'Alfa Romeo Stelvio di oggi, ma con portiere dalla superficie liscia e simili a quelle già viste sulla nuova Peugeot 3008.

Alfa Romeo Stelvio (2026), il render di Motor1.com

Alfa Romeo Stelvio (2026), la fiancata nel render di Motor1.com

Le maniglie esterne sono a scomparsa e si integrano con la pulizia delle linee laterali sottolineate da grandi cerchi in lega che rielaborano lo stile classico delle ruote Alfa Romeo.

Luci nuove in coda

Un po' di novità anche nel posteriore della nuova Stelvio che scopriremo nel 2026 e che si caratterizza per le luci a LED che dalla tipica fascia continua orizzontale sotto il lunotto si estende verso il basso per formare un triangolo luminoso.

Alfa Romeo Stelvio (2026), il render di Motor1.com

Alfa Romeo Stelvio (2026), la vista posteriore nel render di Motor1.com

Si tratta di una sorta di "bocca" illuminata che incornicia la scritta Alfa Romeo sul portellone. Quest'ultima è quella storica in corsivo, forse aggiornata nello stile, che prende il posto del tradizionale logo circolare. Il lunotto propone invece una parte inferiore appuntita che accentua ulteriormente l'angolo già visto sulla Tonale.

Alfa Romeo Stelvio (2026), il render di Motor1.com

Alfa Romeo Stelvio (2026), il dettaglio della coda nel render di Motor1.com

Nuova Alfa Romeo Stelvio, i motori

Per quanto riguarda la meccanica è ormai chiaro che la nuova Alfa Romeo Stelvio al debutto nel 2026 sarà proposta esclusivamente con motorizzazione elettrica al 100%, secondo la strategia "from zero to zero". La potenza partirà da 350 CV e arriverà a 800 CV o addirittura a 1.000 CV nella versione Quadrifoglio.

A fare da base alla prima Stelvio elettrica sarà la piattaforma STLA Large, ulteriore evoluzione della piattaforma Giorgio nata proprio per le attuali Giulia e Stelvio.

Lo schema base della piattaforma STLA Large

Il nuovo SUV a batteria dovrebbe adottare uno schema con due motori elettrici posteriori, arrivando allo schema a tre elettromotori (1 davanti e 2 dietro) dalla Maserati GranTurismo Folgore solo sulle versioni top di gamma. Al momento, quindi, pare probabile che la nuova Alfa Romeo Stelvio venga offerta sia con la trazione posteriore che con la trazione integrale, riservata alle varianti più potenti.

I dati stimati di nuova Alfa Romeo Stelvio

  Nuova Alfa Romeo Stelvio
Anno di presentazione 2026
Tipo di carrozzeria SUV 5 porte
Lunghezza 4,70 m
Motore 2 elettrici (posteriori) o 3 elettrici (1 anteriore, 2 posteriori)
Trazione Posteriore o integrale
Potenza Da 350 a 1.000 CV
Batteria 101-118 kWh
Autonomia 800 km

Quasi 800 km di autonomia

L'impianto elettrico a 800 Volt e il pacco batteria modulare dalla capacità compresa tra i 101 e i 118 kWh consentiranno alla nuova Stelvio di avvicinarsi agli 800 km di autonomia dichiarati come limite massimo del pianale STLA Large. Per il 2026, data di presentazione della Stelvio di seconda generazione, è prevista anche l'introduzione delle prime batterie allo stato solido del gruppo Stellantis.

Piattaforma STLA Large, uno degli schemi costruttivi

La produzione della nuova Stelvio, così come della nuova Giulia che vedremo nel 2025 e delle altre vetture europee basate sull'architettura STLA Large, sarà affidata allo stabilimento Stellantis di Cassino, situato a Piedimonte San Germano (FR).

Fotogallery: Alfa Romeo Stelvio (2026), il render di Motor1.com