Tempi duri per chi ricerca una nuova auto sportiva con motore termico. Negli ultimi anni, diversi Stati in Europa hanno imposto un proprio sistema per "disincentivare" l'acquisto dei modelli più performanti o comunque più inquinanti.

Per esempio, in Italia abbiamo il tanto detestato superbollo basato sulla potenza, che riguarda tutte le vetture nuove e usate (fino a 20 anni) eccedenti i 185 kW. Per quanto non faccia sicuramente piacere agli appassionati, c'è da dire che questa extra tassa (che si aggiunge al bollo tradizionale) è tutto sommato "accessibile" per alcuni modelli come la Toyota GR Yaris, per la quale è necessario sborsare ogni anno 420 euro, traducibile anche in 35 euro al mese.

Discorso completamente diverso in Francia, dove la severissima legge sulle emissioni mette praticamente sullo stesso livello la Toyota GR Yaris con supercar ben più potenti e lussuose.

Una punizione severa

La rinnovata GR Yaris ha un prezzo di partenza di 46.300 euro in Francia per il modello con cambio manuale a 6 marce, mentre quello con trasmissione automatica a 8 rapporti parte da 48.800 euro. Ebbene, a questi prezzi è necessario aggiungere 45.990 euro per il primo e addirittura 60.000 euro per il secondo. Morale della favola? L'assegno da staccare per una GR Yaris è di almeno 92.000 euro, se non 108.800 euro nel caso della versione con cambio automatico.

Toyota GR Yaris restyling

Toyota GR Yaris restyling

In Francia, infatti, chi acquista auto che emettono fino a 117 g/km non deve pagare una tassa aggiuntiva, mentre da 118 g/km c'è una sovrattassa di 50 euro, che sale fino a un massimo di 60.000 euro per i veicoli con emissioni di CO2 pari o superiori a 194 g/km (una tabella riassuntiva con tutti i valori è disponibile sul sito del governo francese). Nel caso della Yaris più cattiva con cambio manuale, la vettura emette 190 g/km, mentre quella automatica 210 g/km.

Ma il paradosso è che questi stessi 60.000 euro sarebbero dovuti anche nel caso dell'acquisto di una Ferrari Roma o di una Lamborghini Revuelto, i cui prezzi partono rispettivamente da circa 200.000 euro e oltre 500.000 euro. Decisamente unico il caso della Ferrari SF90 Stradale: grazie al powertrain ibrido plug-in, la belva di Maranello da 1.000 CV emette 154 g/km di CO2, per una sovrattassa di "appena" 2.918 euro.

Detto ciò, Toyota è relativamente ottimista sulla popolarità della GR Yaris, dal momento che ha riservato comunque 300 esemplari per il mercato locale.

Toyota Yaris 2024, la scheda tecnica

Motore Cilindri Potenza Coppia Trazione Cambio Peso
1.6 turbo benzina 3 280 CV 390 CV Integrale Manuale 6 marce
Automatico 8 rapporti
1.280 kg (man)
1.300 kg (aut)
Toyota GR Yaris restyling

Toyota GR Yaris 2024, il posteriore

Il bollo auto in Francia

Vale la pena notare che la tassa sulle emissioni in Francia è aumentata nel 2024 rispetto agli anni precedenti. La sanzione di 45.990 euro per la GR Yaris manuale nel 2024 sarebbe stata di "soli" 14.881 euro nel 2023 e di 12.012 euro nel 2022. Allo stesso modo, la tassa di 60.000 euro per il modello automatico sarebbe stata di 31.063 euro nel 2023 e di 26.247 euro nel 2022.

Il particolare sistema di tasse francesi crea situazioni penalizzanti anche per altri modelli Toyota. Per esempio, la tassa sulla GR86 ammonta al massimo a 60.000 euro, indipendentemente dal fatto che si acquisti il modello manuale da 33.900 euro o il modello automatico da 35.700 euro, poiché le emissioni sono superiori a 194 g/km. Il prezzo finale sale quindi a 93.900 euro per il primo e a 95.700 euro per il secondo.

Invece, la Supra col 2.0 da 258 CV paga 4.543 euro sfiorando i 58.000 euro complessivi, mentre quella col 3.0 sei cilindri parte da 65.600 euro, più 28.413 euro di tasse, quindi 94.013 euro.

Fotogallery: Toyota GR Yaris restyling 2024