La corsa all'elettrificazione tra Occidente e Asia è una storia infinita. Molte case automobilistiche stanno cercando di giocare un ruolo importante per primeggiare nei prossimi anni, quando si prevede che gran parte della popolazione mondiale guiderà auto a zero emissioni. La Cina sta stabilendo la velocità con cui la mobilità globale diventerà puramente elettrica. L'Occidente osserva e cerca di mettersi al passo. Mentre ciò accade, le case automobilistiche europee tradizionali cercano di guadagnare tempo flirtando con i rivali cinesi in rapida crescita.

Dopo aver imparato da altri per decenni, i cinesi stanno dimostrando di aver superato i propri maestri e di essere capaci di fabbricare auto di alta qualità, efficienti e convenienti. Se la soluzione all'inquinamento è l'elettrico, l'Europa, gli Stati Uniti, la Corea e il Giappone hanno bisogno della Cina.

La recente acquisizione del 20% di Leapmotor da parte di Stellantis è uno dei tanti esempi di come le case automobilistiche occidentali stiano affrontando la crescente concorrenza cinese. L'operazione segue altri accordi, come quello tra BMW e Great Wall Motors, Mercedes e Geely e Volkswagen con Xpeng, ma quanto è conveniente Leapmotor per Stellantis?

I vantaggi dell'accordo

L'accordo tra le due società è una situazione vantaggiosa per entrambe. Leapmotor non fa parte degli otto grandi operatori cinesi (BYD, Chery, Changan, Dongfeng, Geely, GAC, GWM e SAIC), ma non fatica a sopravvivere. L'anno scorso ha venduto 144.200 nuove auto, di cui 99.500 puramente elettriche. È considerata una start-up importante e in salute, proprio come NIO (160.000 unità), Xpeng (141.600 unità), Hozon (127.500) e Li Auto (376.000 unità).

Quindi, più che il volume, Leapmotor può fornire a Stellantis il know-how sulle auto elettriche e sulla loro tecnologia. Si prevede già di sfruttare questo vantaggio in Europa con l'introduzione del marchio cinese nella seconda metà del 2024.

La classifica dei brand cinesi di auto elettriche

Riportiamo di seguito le vendite globali di BEV di marche cinesi nel 2023:

  1. Aion, 480.003 unità
  2. Wuling, 423.000 unità
  3. Geely, 170.000 unità
  4. Changan, 169.000 unità
  5. MG, 165.000 unità
  6. NIO, 160.038 unità
  7. Xpeng, 141.601 unità
  8. Zeekr, 118.685 unità
  9. Hozon, 111.000 unità
  10. ORA, 108.518 unità
  11. Leapmotor, 99.500 unità
  12. Chery, 87.100 unità
  13. Hongqi, 79.000 unità
  14. Beijing, 62.156 unità
  15. IM Motors, 38.253 unità
motor1-numbers Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

Cosa potrebbe andare storto

Tuttavia, la partita potrebbe incorrere in problemi, considerando la gamma di prodotti offerti dal marchio cinese. Il piano prevede l'introduzione dei Leapmotor T03 e C10 in nove mercati europei. Questi due prodotti fanno parte di una gamma più ampia che comprende anche i modelli C01, C11 e C16. In pratica, due SUV di medie dimensioni, un SUV di grandi dimensioni, una berlina e una city-car. Nessuna di queste è interessante per gli automobilisti europei.

Quanto sono allineati i prodotti Leapmotor con l’Europa

La T03 è una piccola auto elettrica che sembra economica come la Dacia Spring. Stellantis potrebbe avere una posizione solida nel segmento A in Europa, grazie alla Fiat 500 e alla Panda (che va molto bene in Italia). Tuttavia, le vendite del segmento continuano a diminuire. Nel 2014, queste auto hanno rappresentato l'8,9% delle immatricolazioni totali in Europa. Quest'anno, fino ad aprile, la loro quota di mercato è stata del 4,9%. Gli automobilisti europei hanno davvero bisogno di un'altra city-car di un marchio sconosciuto?

<p>Leapmotor T03</p>

Leapmotor T03

<p>Leapmotor C10</p>

Leapmotor C10

Poi c'è la C10, un SUV elettrico di medie dimensioni (è lungo 4,73 metri) che offre cinque posti. È praticamente grande come la Tesla Model Y (4,75 m), la Toyota bZ4X (4,69 m) e più grande della Mercedes EQB a 7 posti (4,68 m). Finora, ogni tentativo di intaccare la solida posizione della Model Y è fallito. Perché un grande SUV sconosciuto (per gli standard europei) dovrebbe avere successo?

Il loro unico vantaggio dovrebbe essere quello di avere prezzi competitivi, tuttavia, in un momento in cui molti consumatori europei ci pensano due volte prima di passare all'elettrico, Stellantis e Leapmotor dovrebbero lavorare su prodotti dedicati al gusto europeo. Il tempo ce lo dirà.

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.

Fotogallery: Leapmotor T03