La Volkswagen Golf è una delle auto più longeve della storia. Con ben otto generazioni alle spalle, ha dato vita a una moltitudine di versioni speciali. Le più desiderabili sono state quelle dotate di motori a sei cilindri e, sebbene la stirpe VR6 sia terminata dopo la quinta generazione, il team di Wolfsburg ha costruito un prototipo di Golf Mk6 con il propulsore VR6 che, se fosse entrata in produzione, sarebbe stata la Golf più potente di sempre.

I colleghi di Motor1 US hanno parlato con il marchio tedesco per conoscere meglio questa hot hatch "segreta" a sei cilindri che non è mai stata realizzata e sarà esposta pubblicamente al GTI Fanfest di Wolfsburg tra il 26 e il 28 luglio.

Nessuna Golf è come lei

Enrico Beltz, Head of Content, Classic Communication & Media Relations, racconta che la Golf Mk6 con VR-6 è un esemplare unico costruito nel 2009, precursore della Golf R (Mk6). Monta un motore da 3,2 litri della squadra corse Rothe Motorsport, basato sullo stesso motore che equipaggiava la Golf R32 (Mk5).

<p>Volkswagen Golf Mk6 con motore VR-6</p>

Volkswagen Golf Mk6 con motore VR-6

<p>Un dettaglio della Volkswagen Golf Mk6 con motore VR-6</p>

Un dettaglio della Volkswagen Golf Mk6 con motore VR-6

Mentre il motore aspirato originale eroga 250 cavalli, la sua evoluzione è stata studiata per svilupparne ben 469. Anche la coppia è stata notevolmente incrementata, passando da 236 lb-ft a 384 lb-ft. Come si può immaginare, il VR-6, nome in codice "BUB", è stato sottoposto a molte modifiche per ottenere l'incremento di potenza.

Tra gli aggiornamenti più importanti figurano un turbocompressore Garret GT35, pistoni personalizzati, un nuovo collettore di aspirazione, iniettori diversi e tubi di pressione in alluminio saldati a mano. Ecco l'elenco completo delle modifiche:

  • Fusoliera motore R32 codice lettera BUB
  • Pistoni Rothe Motorsport con riduzione della compressione
  • Rapporto di compressione 8,5:1
  • Albero motore finemente bilanciato con ottimizzazione del peso
  • Alberi a camme Schrick
  • Lavorazione della testa del cilindro
  • Valvole di scarico Rothe Motorsport
  • Collettore di scarico Rothe Motorsport in ghisa
  • Collettore di aspirazione Rothe Motorsport
  • Turbocompressore Garret GT35
  • Aspirazione 80mm alluminio saldato a mano
  • Tubi di pressione 60mm in alluminio saldati a mano
  • Intercooler Rothe Motorsport saldato a mano
  • Tubo pantalone con sistema di scarico Rothe Motorsport 89mm in acciaio inox
  • Silenziatore posteriore con controllo del flap
  • Iniettori Rothe Motorsport
  • Condotto dell'aria Rothe Motorsport in vetroresina

Oltre al motore c'è di più

La particolarità di questa Golf Mk6 non risiede solo nel motore a sei cilindri. Volkswagen ha fornito i freni anteriori di un'Audi RS6 e i cerchi da 19 pollici di una Lamborghini. Inoltre, la grintosa utilitaria compatta ha ricevuto un kit di sospensioni Bilstein B16 e un abitacolo leggermente modificato e rivestito in Alcantara, con una plancia rivestita in pelle con cuciture decorative a contrasto.

I numeri delle prestazioni non sono stati resi noti, ma l'auto deve essere un razzo tascabile data l'elevata potenza e il peso relativamente basso di 1.360 kg. Se a ciò si aggiunge un sistema di trazione integrale e un cambio automatico a doppia frizione a sette rapporti, la Golf VR6 (Mk6) è un vero e proprio gioiellino.

Volkswagen Golf Mk6 con motore VR-6

Le ruote della Volkswagen Golf Mk6 con motore VR-6

Per quanto riguarda la sorte dell'auto, è stata utilizzata internamente per un po' prima di diventare un membro permanente della flotta Volkswagen Classic. Il marchio tedesco ha deciso di riportare alla luce la Golf VR6 (Mk6) come parte delle celebrazioni per il 50esimo anniversario del modello e quest'anno sarà esposta pubblicamente al GTI Fanfest di Wolfsburg tra il 26 e il 28 luglio.

Tra passato e futuro

Nel frattempo, l'esemplare unico di Golf è stato recentemente presentato in un video di Halle77 con protagonista il capo di VW Thomas Schäfer. 

Vale la pena di notare che questa non è stata l'ultima Golf costruita da Volkswagen con un motore VR-6, pensiamo alla concept Golf Design Vision GTI del 2013 con un VR-6 dotato di due turbocompressori per oltre 500 CV. Un paio di anni dopo, è stata prevista la Golf GTI Supersport Vision Gran Turismo del 2015 con un VR-6 da 503 CV.

Sebbene dopo la Mk6 la Golf si sia ridotta a motori a quattro e tre cilindri, si dice che Volkswagen avrebbe voluto inserire un cinque cilindri in linea nella Mk8. Tuttavia, Audi avrebbe rifiutato, decidendo che l'unità da 2,5 litri avrebbe alimentato solo le sue auto compatte RS. Detto questo, il motore a cinque cilindri è finito in un prodotto non Audi: la Cupra Formentor VZ5 utilizza il potente propulsore di Ingolstadt, che è presente anche nella meno conosciuta KTM X-Bow.

I modelli di serie e i prototipi VR6 non avevano il motore più grande mai montato da Volkswagen su una Golf. Il titolo va alla stravagante GTI W12-650, una concept a motore centrale con oltre 600 CV basata sulla generazione Mk5. E' stata presentata nel 2007 con un'unità da 6,0 litri proveniente da una Bentley Continental GT, completa di una coppia di turbocompressori e di freni anteriori di provenienza Audi RS4. L'asse posteriore e i freni sono stati presi da una Lamborghini Gallardo.

Allo stato attuale, la Mk8 è l'ultima Golf con motore a combustione. Volkswagen ha già annunciato che la Mk9 sarà completamente elettrica quando arriverà nel 2028 sulla piattaforma Scalable Systems (SSP).

Fotogallery: Volkswagen Golf Mk6 con motore VR-6